ROMA, PERIFERIE. IL 4 LUGLIO IL PRIMO MURALES ANTIMAFIA A ‘COLLINA DELLA PACE’

ROMA, PERIFERIE. IL 4 LUGLIO IL PRIMO MURALES ANTIMAFIA A ‘COLLINA DELLA PACE’

03/07/2014 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3639 volte!

Paolo Masini

Pao­lo Masini

ROMA, PERIFERIE. IL 4 LUGLIO IL PRIMO MURALES ANTIMAFIA A ‘COLLINA DELLA PACE’

L’iniziativa di da Sud in col­lab­o­razione con l’Assessorato allo Svilup­po delle Periferie

Il 4 luglio sarà inau­gu­ra­to alla Col­li­na del­la Pace il pri­mo murales anti­mafia di Roma, un’iniziativa orga­niz­za­ta dall’associazione daSud con il patrocinio dell’Assessorato allo Svilup­po delle Per­iferie di Roma Cap­i­tale, in occa­sione dell’ultima tap­pa romana del­la “Lun­ga mar­cia del­la memo­ria”. A real­iz­zare il murales sarà lo street artist David Vec­chi­a­to (in arte Diavù), nell’area con­fis­ca­ta al boss del­la Ban­da del­la Magliana Enri­co Nico­let­ti nel 2001 e oggi trasfor­ma­ta nel par­co pub­bli­co “Col­li­na del­la Pace”.

Tutte le asso­ci­azioni, che in questi anni sono state pro­tag­o­niste del­la real­iz­zazione del par­co ded­i­ca­to alla memo­ria di Pep­pino Impas­ta­to, si ritro­ver­an­no a par­tire dalle ore 16,00 al “Vil­lag­gio dei dirit­ti”, lo spazio orga­niz­za­to dall’associazione anti­mafia daSud per fes­teggia­re l’opera di street art e l’antimafia sociale con mostre, stand di arti­giana­to e di degus­tazioni, attiv­ità ludiche, esi­bizioni teatrali, un hap­pen­ing rap, il con­cer­to del rap­per Ken­to e una men­sa per i poveri. Alla tap­pa “Lo san­no anche i muri” e all’inaugurazione del murales – che si ter­rà alle 19.30 cir­ca – parteciper­an­no anche Pao­lo Masi­ni, asses­sore allo Svilup­po delle Per­iferie di Roma Cap­i­tale e vicepres­i­dente di Avvi­so Pub­bli­co, e Celeste Costan­ti­no, dep­u­ta­ta, già por­tav­oce di daSud, seg­re­taria del­la del­egazione ital­iana al Con­siglio d’Europa.

“Siamo lieti di real­iz­zare assieme a daSud ques­ta splen­di­da inizia­ti­va, in uno dei luoghi-sim­bo­lo del lavoro che sti­amo por­tan­do avan­ti nelle nos­tre per­iferie. Nei mesi scor­si abbi­amo sbloc­ca­to i fon­di e avvi­a­to la riqual­i­fi­cazione del cen­tro polifun­zionale di Col­li­na del­la Pace, per ridonare final­mente al ter­ri­to­rio ques­ta strut­tura dopo l’es­tate”, affer­ma Pao­lo Masi­ni. “Diamo voce all’im­peg­no di Roma Cap­i­tale con­tro tutte le mafie, e lo fac­ciamo attra­ver­so la street art, una for­ma d’arte che sta diven­tan­do uno stru­men­to cen­trale per la riqual­i­fi­cazione dei nos­tri quartieri”.

 ì“Nel­la Cap­i­tale delle mafie – affer­ma Celeste Costan­ti­no – inau­gur­ere­mo un sim­bo­lo indelebile e iden­ti­tario di un’antimafia che deve essere prat­i­ca quo­tid­i­ana conc­re­ta e pre­req­ui­si­to dell’agire pub­bli­co. Questo murales dimostr­erà che la cre­ativ­ità e l’arte sono stru­men­ti poten­tis­si­mi con­tro i clan e rap­p­re­sen­terà uno sti­mo­lo impor­tante per la polit­i­ca che è in forte ritar­do, per l’antimafia sociale e la cit­tad­i­nan­za: ognuno deve fare la pro­pria parte, per non las­cia­re la cit­tà al wel­fare delle mafie, che sem­pre più offrono servizi, lavoro e sol­di facili a chi scende a com­pro­mes­si o sente di non avere più opportunità”