Marino, Palozzi: “La lenta agonia della nostra città. Cecchi davvero deludente”

Marino, Palozzi: “La lenta agonia della nostra città. Cecchi davvero deludente”

30/03/2023 1 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1388 volte!

“Era da un po’ che non mi sof­fer­ma­vo ad anal­iz­zare i tan­ti prob­le­mi del­la nos­tra cit­tà. Dal cen­tro stori­co alle frazioni emerge con chiarez­za solo la grande con­ti­nu­ità tra il nul­la dell’amministrazione Col­iz­za e il nul­la dell’amministrazione Cec­chi.
Una con­ti­nu­ità che si vede nell’assenza di una strate­gia, di una macchi­na ammin­is­tra­ti­va orga­niz­za­ta in gra­do di inter­venire sui tan­ti prob­le­mi che ogni giorno il cit­tadi­no deve affrontare. Una con­ti­nu­ità nel­la spor­cizia che dev­as­ta il ter­ri­to­rio, nell’abbandono degli spazi ver­di e dei parchi, nel pen­sare i nos­tri figli a stu­di­are den­tro dei con­tain­er, nel gal­leg­gia­re in una situ­azione di asset­to del ter­ri­to­rio con il pas­troc­chio grilli­no del­la vari­ante di sal­va­guardia e l’annullamento annun­ci­a­to e mai por­ta­to a ter­mine dal delu­dente Cec­chi. Sem­bra non essere cam­bi­a­to nul­la, anzi a guardar bene le cose sono addirit­tura peg­gio­rate. Un po’ per­ché il tem­po che pas­sa logo­ra ancor di più tut­to ciò che non viene ben gesti­to, un po’ per­ché men­tre pas­sano di fronte agli occhi di tut­ti gran­di oppor­tu­nità di svilup­po, vedi il Pnrr, Mari­no sem­bra rimas­ta nell’oblio dell’incapacità di chi pen­sa di sapere tut­to e nei fat­ti prati­ci dimostra di capire molto poco. Non bas­tano un po’ di foto pub­bli­cate tra un com­plean­no cen­te­nario ed una fes­ta patronale ad offus­care le inef­fi­cien­ze. Sono di queste ore gli ulti­mi gravi accadi­men­ti che a mio modo di vedere met­tono a nudo quan­to già agli occhi di molti era chiaro:
— le dimis­sioni del Seg­re­tario Gen­erale del Comune dott.ssa Costan­ti­ni, sem­bra per gravi diver­gen­ze con Sin­da­co, seg­no evi­dente che l’armonia ed con­fron­to tra il Sin­da­co e il Seg­re­tario Gen­erale da lui stes­so scel­to sono venu­ti meno, con tutte le con­seguen­ze che porterà con se;
— il con­fu­so ban­do sul nuo­vo Coman­dante dei Vig­ili;
— i deb­iti fuori bilan­cio da votare in con­siglio che più di qualche dub­bio sulle reali respon­s­abil­ità di chi li ha creati e sulle inca­pac­ità di tute­lare l’ente attra­ver­so legali quan­tomeno sprovve­du­ti. Chissà che dirà la Corte dei Con­ti che sarà mia cura inter­pel­lare? e chissà chi si pren­derà la respon­s­abil­ità di votare un atto che por­ta con se un dan­no erar­i­ale a mio modo di vedere evi­dente?
Tut­to ciò men­tre il parcheg­gio di piaz­za­le degli Eroi rimane aper­to e sen­za con­trol­lo nelle ore ser­ali per­ché non si capisce bene chi lo deve gestire con il silen­zio assor­dante di un’amministrazione stordi­ta. E chi ha paga­to un abbona­men­to not­turno e non tro­va pos­to?
Potrei scri­vere a lun­go e con cog­nizione di causa forte dell’esperienza avu­ta sul cam­po e non solo a parole, potrei spie­gare ai tan­ti improvvisati ammin­is­tra­tori di oggi cosa sig­nifi­ca avere il tim­o­ne di una cit­tà, orga­niz­zarla, far­la fun­zionare, potrei spie­gare che il mio seg­re­tario gen­erale dott.ssa Cal­cari è sta­ta con me per due leg­is­la­ture sen­za mai essere mes­sa in dis­cus­sione per­ché il con­fron­to era pre­m­i­nente rispet­to all’arroganza, ma forse servirebbe a poco, almeno in ques­ta fase. Ciò che real­mente serve è pren­dere coscien­za che con­tin­uan­do così sare­mo sem­pre più indi­etro rispet­to agli altri e che la nos­tra Mari­no, con la con­ti­nu­ità ammin­is­tra­ti­va tra Col­iz­za e Cec­chi può solo affon­dare di più”.

Così, in una nota, l’ex sin­da­co di Mari­no ed ex con­sigliere regionale del Lazio, Adri­ano Palozzi.