Lavoro, settori strategici e diritto allo studio: il futuro del Politecnico di Torino nell’intervista del rettore Saracco a Nova

Lavoro, settori strategici e diritto allo studio: il futuro del Politecnico di Torino nell’intervista del rettore Saracco a Nova

31/01/2023 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1100 volte!

Lavoro, set­tori strate­gi­ci e dirit­to allo stu­dio: il futuro del Politec­ni­co di Tori­no nell’intervista del ret­tore Sarac­co a Nova

Il Politec­ni­co del futuro? “Un Ate­neo al servizio del paese”. Le insi­die sull’arrivo di Intel e Ital­volt in Italia e in Piemonte? “Il Paese deve impara­re a dare risposte sis­temiche”. E le Olimpia­di 2026? “Cre­do che la log­i­ca in un peri­o­do di crisi come quel­lo odier­no porterà il Piemonte a rien­trare nei Giochi. E’ un inter­vista a tut­to cam­po quel­la rilas­ci­a­ta dal ret­tore del Politec­ni­co di Tori­no Gui­do Sarac­co ad un anno dal­la fine del suo manda­to.

Il Ret­tore, ad un anno dal­la sca­den­za del suo manda­to, ha riper­cor­so i risul­tati rag­giun­ti dall’Ateneo, a par­tire dal suc­ces­so del ‘mod­el­lo start­up’. Nel 2019 l’incubatore inter­no del Politec­ni­co è sta­to pre­mi­a­to come il migliore a parte­nar­i­a­to pub­bli­co al mon­do. Inoltre, di recente l’Ateneo ha investi­to anche sulle start­up del set­tore aerospaziale con il prog­et­to Esa Bic che pun­ta ad avere un centi­naio di realtà del set­tore entro i prossi­mi cinque anni.

Sem­pre nel set­tore aerospaziale è il prog­et­to di cor­so Marche che pun­ta a diventare una vera e pro­pria ‘Cit­tà dell’aerospazio’. Qui il Politec­ni­co sta investen­do molto con uno spazio di 12 mila metri­quadri ded­i­ca­to ai lab­o­ra­tori di ricer­ca, posizionati a fian­co di realtà cen­trali del set­tore come Leonar­do, Altec e Thales Ale­nia Space.

L’Ateneo è poi molto atti­vo nel set­tore ener­geti­co. Qualche anno fa è nato l’Ener­gy cen­ter ded­i­ca­to esclu­si­va­mente agli stu­di legati all’energia. Inoltre, in autun­no debut­terà il pri­mo mas­ter ded­i­ca­to alle tec­nolo­gie ad idrogeno che sarà guida­to pro­prio dal Politec­ni­co di Tori­no. Sec­on­do il ret­tore Sarac­co, “l’idrogeno avrà un ruo­lo impor­tante nei prossi­mi anni, nonos­tante la deci­sione dell’Unione euro­pea sull’elettrico: che ha molti difet­ti. Pen­so già soltan­to alle materie prime e alle bat­terie. In gen­erale, rischi­amo di andare in crisi sot­to vari pun­ti di vista”. Sec­on­do Sarac­co bisognerebbe seguire l’esempio del Giap­pone pun­tan­do ad un’impostazione di neu­tral­ità tec­no­log­i­ca.

Il Politec­ni­co ha poi cer­ca­to di affrontare anche le prob­lem­atiche rel­a­tive all’accesso allo stu­dio e ai posti let­to per gli stu­den­ti fuori sede. “Io sono molto sen­si­bile a questo per­sonal­mente – ha affer­ma­to Sarac­co -. Riten­go sia sen­sato per un Paese come il nos­tro che non deb­ba esistere nes­suna bar­ri­era all’ingresso dell’università. Occorre rius­cire ad ampli­are la zona di non tas­sazione aiu­ta molto. E sul prob­le­ma posti let­to, noi abbi­amo investi­to e inve­stire­mo nel­la costruzione di nuove strut­ture e allo stes­so tem­po lavor­ere­mo sul prog­et­to di ges­tione degli allog­gi sfit­ti”.

Il ret­tore si è poi sof­fer­ma­to su alcu­ni casi legati al ter­ri­to­rio Piemon­tese e Tori­nese. Si trat­ta di Intel, Ital­volt e le Olimpia­di 2026. Su Intel e Ital­volt, due realtà indus­tri­ali che rischi­ano di non vedere la luce in Piemonte, Sarac­co ha sot­to­lin­eato che, “su Intel, questo paese deve impara­re a dare delle risposte sis­temiche. Dovrem­mo impara­re a val­oriz­zare la tripla eli­ca com­pos­ta dal­la col­lab­o­razione tra polit­i­ca, indus­tria, uni­ver­sità e cen­tri di ricer­ca. Men­tre, su Ital­volt, occor­rerebbe riv­o­luzione la rete elet­tri­ca dell’insediamento di Ivrea”. Sulle Olimpia­di 2026, dove Tori­no potrebbe tornare in car­reg­gia­ta, il ret­tore del Politec­ni­co ha aus­pi­ca­to che “la log­i­ca preval­ga sul cam­panil­is­mo. Cre­do che la log­i­ca in un peri­o­do di crisi come quel­lo odier­no porterà al suc­ces­so dell’operazione che vede il Piemonte rien­trare nei Giochi”.

Infine, Sarac­co ha sot­to­lin­eato il suo lasc­i­to più impor­tante come ret­tore: “Abbi­amo lavo­ra­to in modo che l’università si pre­fig­ga il risul­ta­to di creare posti di lavoro. Non si era mai det­to pri­ma: è qual­cosa di nuo­vo ed è impor­tante oggi”.

https://www.agenzianova.com/a/63d8ed494a3fe2.06867379/4227517/2023–01-27/olimpiadi-2026-saracco-politecnico-torino-a-nova-prevalga-logica-rispetto-a-campanilismo-video

Related Images: