FEMMINICIDI, FABIO MESTICI (PSI): UNA DONNA AL MESE UCCISA NEL LAZIO

FEMMINICIDI, FABIO MESTICI (PSI): UNA DONNA AL MESE UCCISA NEL LAZIO

17/01/2023 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 421 volte!

FEMMINICIDI: FABIO MESTICI (PSI), “UNA DONNA AL MESE UCCISA NEL LAZIO,
RECORD DA ANNULLARE. SERVE MAGGIORE IMPEGNO DA POLITICA E ISTITUZIONI”

 “Il 2023 è inizia­to così come era fini­to il 2022 nel Lazio con il triste record che vede la nos­tra regione con una don­na al mese uccisa, vit­ti­ma di fem­mini­cidio. È un dato agghi­ac­ciante che chi si impeg­na in polit­i­ca, a par­tire da chi, come noi, lo fa sui ter­ri­tori non può non avver­tire come una pro­pri­età e un’urgenza indif­feri­bile” — così in una nota Fabio Mes­ti­ci, respon­s­abile del Par­ti­to Social­ista ai Castel­li Romani com­men­ta i tragi­ci fat­ti degenerati nell’assassinio del­la gio­vane avvo­ca­ta Mar­ti­na Scial­done avvenu­to nel quartiere Tus­colano, a Roma. 
 
“Come social­isti, aus­pi­can­do un rapi­do risveg­lio del Par­la­men­to sul tema del­la vio­len­za di genere, annun­ci­amo l’adesione come par­ti­to alla fiac­co­la­ta di giovedì sera a Roma e soprat­tut­to l’impegno anche nei nos­tri ter­ri­to­rio in provin­cia di Roma a tenere acce­sa e alta l’attenzione su un tema che a dis­tan­za di pochi anni l’una dall’altra ha vis­to tragi­ca­mente col­pite anche le nos­tre comu­nità di Albano e Mari­no” — ha aggiun­to l’esponente Psi. 
 
“Vor­rem­mo che il nos­tro impeg­no nel­la polit­i­ca e nelle isti­tuzioni, al fian­co delle asso­ci­azioni che se ne occu­pano quo­tid­i­ana­mente pos­sa sig­nifi­care un reale cam­bio di tendenza.In tal sen­so rite­ni­amo il pri­mo pas­so pos­sa o forse deb­ba essere, come ha gius­ta­mente det­to il sin­da­co di Roma, Gualtieri, un sen­si­bile giro di vite sul­la con­ces­sione del por­to d’ar­ma, anche a fini sportivi.  Per­ché si pos­sa davvero smet­tere quan­to pri­ma di par­lare di donne solo come vit­time di una vio­len­za effer­a­ta e crim­i­nale con­tro la quale lo Sta­to ha il dovere di fare di più nel­l’im­me­di­a­to” con­clude Mestici.