Roma. Ultimi giorni per firmare a sostegno della Lista comunista. Un invito e una facilitazione resa nota da De Angelis (PCI)

Roma. Ultimi giorni per firmare a sostegno della Lista comunista. Un invito e una facilitazione resa nota da De Angelis (PCI)

07/01/2023 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 953 volte!

Gia­co­mo De Ange­lis, Fed­er­azione PCI Roma Metropolitana


“Oltre quan­to stan­no facen­do le numerose orga­niz­zazioni di base del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano nei vari ter­ri­tori del­la Regione Lazio — dichiara Gia­co­mo De Ange­lis a capo del­la orga­niz­zazione comu­nista del­la Cap­i­tale e provin­cia -; ed oltre quan­to già atti­va­to nel­la provin­cia di Lati­na; in queste ore abbi­amo com­ple­ta­to la con­seg­na dei mod­uli rac­col­ta firme pres­so gli stes­si comu­ni, nei cui uffi­ci ogni cit­tadi­no può recar­si a sot­to­scri­vere per sostenere la pre­sen­tazione del­la nos­tra Lista che pro­pone Sonia Peco­ril­li a pres­i­dente del­la Regione”. In effet­ti, come ver­i­fi­ca­to, nei quindi­ci Municipi del­la cit­tà di Roma, in tut­ti i comu­ni dei Castel­li romani, in tut­ti quel­li del Litorale romano da Net­tuno a Civ­i­tavec­chia, e in tut­ti i comu­ni del resto del­la Provin­cia nord ed est che han­no più di trem­i­la abi­tan­ti, sono sta­ti con­seg­nati i mod­uli di rac­col­ta firme. A cosa serve? “Sostanzial­mente — risponde De Ange­lis — è un pic­co­lo aiu­to a chi, nei luoghi di res­i­den­za, vor­rebbe sostenere la nos­tra Lista ma non è rius­ci­to ad incro­cia­re un banchet­to orga­niz­za­to da noi. Inoltre, vor­rei sot­to­lin­eare, come ci è sta­to tes­ti­mo­ni­a­to da molti, che il sosteg­no demo­c­ra­ti­co alla nos­tra Lista, avviene anche da parte di chi non è sta­to recen­te­mente nos­tro elet­tore. Del resto — con­clude il diri­gente comu­nista — cer­to che noi aspiri­amo ad avere con­sen­si che pri­ma non ave­va­mo, mag­a­ri dal­la marea di elet­tori che purtrop­po da tem­po si è rifu­gia­ta per sfidu­cia nell’astensionismo, ma tut­ti i cit­ta­di­ni più accor­ti san­no che siamo in pochi ad essere “obbli­gati” alla rac­col­ta delle firme, quin­di è anche un alto sen­so civi­co e demo­c­ra­ti­co quel­lo di con­sen­tire alla Lista del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano di com­petere nel­la Regione Lazio. Non dimen­ti­can­do che col­oro che vogliamo rap­p­re­sentare, a com­in­cia­re dai lavo­ra­tori, non ci sem­bra siano granchè tenu­ti in con­to nè dai Gov­erni, nè dal­la Regione. Quin­di per noi comu­nisti è insieme oppor­tu­nità ed obbli­go esser­ci per met­tere in pri­mo piano il lavoro e le idee comu­niste”. Intan­to in molte realtà con­tin­u­ano le pre­sen­ze dei banchet­ti di rac­col­ta. Va ricorda­to che sia ai banchet­ti che agli uffi­ci comu­nali ci si deve pre­sentare con un doc­u­men­to di identità.