Roma, Assotutela: “Ok riapertura Vigna Clara, ma da Comune e Regione serve di più”

Roma, Assotutela: “Ok riapertura Vigna Clara, ma da Comune e Regione serve di più”

13/06/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 295 volte!

“Vor­rem­mo unir­ci al coro di col­oro che giois­cono per l’attivazione di un servizio pub­bli­co ma non abbi­amo ele­men­ti per cedere alle lus­inghe del­la pro­pa­gan­da a get­tone. Ques­ta mat­ti­na, 13 giug­no 2022, è sta­ta rib­at­tez­za­ta come una data stor­i­ca per la ria­per­tu­ra del­la stazione Vigna Clara del­la lin­ea FL 3 ma di stori­co c’è ben poco”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che spie­ga: “Non pos­si­amo non apprez­zare la riat­ti­vazione di una lin­ea inau­gu­ra­ta per i mon­di­ali del ’90 e subito richiusa ma per­man­gono anco­ra crit­ic­ità e nodi prob­lem­ati­ci. Un treno ogni due ore un servizio ai cit­ta­di­ni non lo è. Regione e Comune sono anco­ra trop­po avari di pro­poste serie per miglio­rare Roma – attac­ca Mar­i­ta­to – per­ché il con­testo è asso­lu­ta­mente pri­vo di tut­to ciò che servirebbe a una vera stazione. A com­in­cia­re dal con­trat­to di servizio Fs non anco­ra adegua­to alla nuo­va dira­mazione. Man­cano una rior­ga­niz­zazione del­la via­bil­ità e i parcheg­gi a servizio del­la stazione, ser­vono col­lega­men­ti con i quartieri attigui, serve una ricol­lo­cazione del vici­no mer­ca­to per creare ulte­ri­ori spazi, soprat­tut­to man­cano i treni per­ché quel­li idonei sono anco­ra in costruzione. Non vor­rem­mo – incalza Mar­i­ta­to – che i pen­dolari, gli uni­ci che pos­sono gio­var­si di ques­ta lin­ea ‘a scar­ta­men­to ridot­to’, entro breve deb­bano tornare a ripren­dere l’auto per la dis­or­ga­niz­zazione e la fret­ta con cui è sta­ta inau­gu­ra­ta la stazione. Vedremo nei prossi­mi giorni come andran­no le cose”, chiosa il presidente.