LAZIO, PALOZZI(CAMBIAMO): “VACCINO OBBLIGATORIO PALLIATIVO ZINGARETTI”

LAZIO, PALOZZI(CAMBIAMO): “VACCINO OBBLIGATORIO PALLIATIVO ZINGARETTI”

20/04/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2102 volte!

“Negli scor­si giorni il gov­er­na­tore del Lazio, Nico­la Zin­garet­ti, ha fir­ma­to l’ordinanza per ren­dere obbli­ga­to­ria la vac­ci­nazione anti­n­fluen­za­le e anti pneu­mo­coc­ci­ca per tut­ti i cit­ta­di­ni over 65 anni e tut­to il per­son­ale san­i­tario del Lazio. A mio giudizio, pre­mes­so che non sono asso­lu­ta­mente con­trario a pre­scindere alla vac­ci­nazione, tut­tavia in questo caso il provved­i­men­to ci las­cia qualche per­p­lessità e appare piut­tosto come un pal­lia­ti­vo in un momen­to del­i­ca­to di lot­ta con­tro il Covid-19, durante il quale, a nos­tro giudizio, la Regione Lazio non avrebbe mes­so in atto tutte le azioni pro­pe­deu­tiche e pri­or­i­tarie al con­teni­men­to del virus. Ad esem­pio, non sarebbe sta­to anco­ra for­ni­to un numero suf­fi­ciente di dis­pos­i­tivi di pro­tezione indi­vid­uale agli oper­a­tori san­i­tari che con­tin­u­ano a lavo­rare esposti ad un ris­chio altissi­mo. Ma non solo. Tut­ti medici e infer­mieri non sareb­bero sta­ti anco­ra sot­to­posti ai tam­poni Covid-19 e quin­di operan­do sen­za sapere se sono loro stes­si fonte di con­ta­gio per i pazi­en­ti, famigliari e par­en­ti. Infine, una doman­da: a segui­to dei vac­ci­ni obbli­ga­tori, chi dovesse pre­sentare sin­to­mi quali tosse, feb­bre, dif­fi­coltà res­pi­ra­to­rie, ver­rebbe clas­si­fi­ca­to, in auto­mati­co con diag­nosi dif­feren­ziale, paziente covid e questo in modo asso­lu­ta­mente inequiv­o­ca­bile? Insom­ma, le con­sid­er­azioni che andreb­bero poste al pres­i­dente Zin­garet­ti sono tantissime”.

Così, in una nota, il con­sigliere regionale del Lazio ed espo­nente nazionale di “Cam­bi­amo”, Adri­ano Palozzi.