Marino. L’Assemblea contro la Cementificazione invia 4 domande ai candidati a sindaco

Marino. L’Assemblea contro la Cementificazione invia 4 domande ai candidati a sindaco

16/06/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2835 volte!

Eleonora Di Giulio e Carlo Colizza. Foto di Gianni Alfonsi

Eleono­ra Di Giulio e Car­lo Col­iz­za. Foto di Gian­ni Alfonsi

Come Assem­blea con­tro la Cemen­tifi­cazione abbi­amo inoltra­to la seguente richi­es­ta ai can­di­dati sin­da­co del Comune di Mari­no, Eleono­ra di Giulio e Car­lo Colizza.

Si trat­ta di alcune domande, cias­cu­na con bre­vi pre­messe pen­sate soprat­tut­to per chi non conosce a fon­do il tema del­l’ur­ban­is­ti­ca mari­nese più che per loro.

Nonos­tante abbi­amo let­to i rispet­tivi pro­gram­mi elet­torali, pen­si­amo che dare rispos­ta alle domande da noi poste ren­da più chiaro cosa oper­a­ti­va­mente inten­der­an­no fare una vol­ta elet­ti come sindaco.

Dis­tin­ti Saluti

Assem­blea con­tro la Cemen­tifi­cazione — http://stopcemento.noblogs.org

ALCUNE DOMANDE AD ELEONORA DI GIULIO E CARLO COLIZZA

L’Assem­blea con­tro la Cemen­tifi­cazione del Comune di Mari­no intende riv­ol­gere agli aspi­ran­ti sin­da­co, Car­lo Col­iz­za ed Eleono­ra di Giulio, e ai partiti/movimenti di cui sono espres­sione sul ter­ri­to­rio alcune domande iner­en­ti le ques­tioni del­l’op­po­sizione alla dev­as­tazione di cir­ca 160 ettari di Agro Romano per un totale di 12.500 nuovi abi­tan­ti, così come pre­vis­to nel “Mas­ter­plan” approva­to con le delibere comu­nali del 3 agos­to 2011.

In questo peri­o­do elet­torale abbi­amo let­to molte dichiarazioni, di ambo gli schiera­men­ti, e cre­di­amo – per non las­cia­re spazio alle inter­pre­tazioni – sia gius­to chiedervi come inten­dete pros­eguire la verten­za con­tro i prog­et­ti di cui sopra, sia se vi tro­verete tra i banchi del­la mag­gio­ran­za, sia se sarete tra quel­li dell’opposizione.

Infatti,negli anni prece­den­ti siete rius­ci­ti a col­lab­o­rare – era­vate nel M5S, nel Movi­men­to per il Cam­bi­a­men­to e nel­l’U­nione di Cen­tro Sin­is­tra – pro­prio sul­l’op­po­sizione ai prog­et­ti spec­u­la­tivi riguardan­ti il rad­doppio dei cen­tri abi­tati di S.Maria delle Mole e Frattocchie.

PREMESSA N°1

Il 27 novem­bre 2014 avete richiesto in Con­siglio Comu­nale l’an­nul­la­men­to in auto­tutela delle delibere del 3 agos­to 2011 e seguen­ti, riguardan­ti la cemen­tifi­cazione di via del Divi­no Amore, Maz­za­m­agna e Mugilla. Il Con­siglio Comu­nale si pro­trasse fino oltre l’u­na di notte con il chiaro inten­to, non rius­ci­to, di far allon­tanare le decine di per­sone che era­no inter­venute per sostenere ques­ta impor­tante richi­es­ta. Ricor­diamo i diver­si ricor­si pen­den­ti al TAR pro­prio con­tro quelle delibere comu­nali (e gli altri sulle delibere region­ali) per­ché del tut­to illegittime.

DOMANDA N°1

Annullerete/revocherete quelle delibere ed i suc­ces­sivi atti ammin­is­tra­tivi ad esse col­le­gati una vol­ta che ne avrete il potere e, quin­di, la possibilità ?

PREMESSA N°2

Sono par­ti­ti i cantieri in zona Mugilla, che preve­dono 400 abi­tan­ti in 17 nuovi palazzi a ridos­so delle scuole “G.Verdi” e “B.Ciari”. Per quat­tro degli otto palazzi di cui fino­ra si conoscono con certez­za gli atti rel­a­tivi ai per­me­s­si a costru­ire, non sono state prodotte le nec­es­sarie relazioni sui ril­e­va­men­ti di CO2, così come pre­vis­to dal­la nor­ma­ti­va regionale. Lo scor­so anno un’aula del plesso del­la “Ver­di” è sta­ta evac­u­a­ta poco dopo i pri­mi scavi per i sondag­gi arche­o­logi­ci. Quegli ettari, con­tigui al Par­co del­l’Ap­pia Anti­ca, andran­no defin­i­ti­va­mente per­si e stan­no cre­an­do pre­oc­cu­pazione tra i gen­i­tori, il per­son­ale sco­las­ti­co e gli alun­ni delle due scuole.

DOMANDA N°2

I can­di­dati sin­da­co han­no avu­to modo di effet­tuare un sopral­lu­o­go per accer­tar­si del­lo scem­pio che si sta per­pe­tran­do? Quali inter­ven­ti urgen­ti pen­sate di attuare per fer­mare i cantieri di “La Mole 2” e “Cristi­na s.r.l.” ?

PREMESSA N°3

Sono numerosi e acclarati i casi di cor­ruzione legati al rilas­cio di per­me­s­si a costru­ire, è evi­dente lo scem­pio urban­is­ti­co attuale che si nota giran­do in ogni ango­lo del comune, sono molti i pro­ced­i­men­ti penali che coin­vol­go­no il mas­si­mo diri­gente, ing. Ste­fano Petri­ni, e altri dipen­den­ti degli uffi­ci lim­itrofi al suo.

DOMANDA N°3

Quali provved­i­men­ti con­creti pren­derete nei con­fron­ti del­l’ing. Petri­ni e degli altri dipen­den­ti? Saran­no tut­ti sos­ti­tu­iti o con­tin­uer­an­no a lavo­rare come han­no fat­to in questi anni ?

PREMESSA N°4

Il Com­mis­sario Prefet­tizio, dott.ssa Enza Capo­rale, lo scor­so 15 mar­zo 2016, con la Delib­er­azione N°21, ha impos­to il paga­men­to di tar­iffe (fino­ra non dovute) per ottenere gli atti ammin­is­tra­tivi. E’ sta­ta par­ti­co­lar­mente atten­ta a bas­tonare le richi­este di atti riguardan­ti le pratiche edilizie: dai 70 ai 100 euro. In questi anni, se si è rius­ci­ti ad esercitare un cer­to con­trol­lo e far emerg­ere diverse prob­lem­atiche è sta­to pro­prio gra­zie al libero acces­so a deter­mi­nati atti, sep­pur spes­so ci si è imbat­tuti in “ritar­di” e in qualche “diniego”.

DOMANDA N°4

Chi vin­cerà il bal­lot­tag­gio revocherà ques­ta delib­er­azione che fre­na il libero acces­so agli atti ammin­is­tra­tivi ponen­do ad oggi il sin­go­lo cit­tadi­no davan­ti ad un esbor­so eco­nom­i­co per i cosid­det­ti “dirit­ti di ricer­ca” che rite­ni­amo asso­lu­ta­mente non dovu­to , dato che si trat­ta di un nor­male servizio di un dipen­dente pubblico ?

Per ora, cre­di­amo che queste domande siano chiare e suf­fi­ci­en­ti. Spe­ri­amo che le vostre risposte lo saran­no altret­tan­to e, da parte nos­tra, rite­ni­amo la revoca/annullamento delle delibere del 3 agos­to 2011 non un pun­to di arri­vo, ma un fon­da­men­tale pas­sag­gio che non esaurirà comunque la neces­sità di con­tin­uare ad oppor­si agli appeti­ti dei politi­ci e degli impren­di­tori che vogliono con­tin­uare a imporre i loro inter­es­si con­tro quel­li del­la collettività.

Le risposte che ci per­ver­ran­no saran­no rese pub­bliche, a ben­efi­cio di tutti/e.

Assem­blea con­tro la Cemen­tifi­cazione — stopcemento@inventati.org — http://stopcemento.noblogs.org