Rocca Priora: il Comune rinuncia al Tempio crematorio

Rocca Priora: il Comune rinuncia al Tempio crematorio

05/04/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2661 volte!

rocca-priora-dallaltoRin­vi­a­ta la riu­nione del­la Con­feren­za dei servizi per il Tem­pio Cre­ma­to­rio di Fontana Chiusa

Roc­ca Pri­o­ra – L’Amministrazione comu­nale di Roc­ca Pri­o­ra ha deciso di rin­viare, sen­za fis­sare altra data, la pri­ma riu­nione del­la Con­feren­za dei servizi per la defin­i­ti­va approvazione del Prog­et­to pre­lim­inare per la real­iz­zazione di un Tem­pio Cre­ma­to­rio all’interno del cimitero comu­nale di Fontana Chiusa.

Questo pas­sag­gio rap­p­re­sen­ta anche una pre­sa d’atto da parte dell’Amministrazione comu­nale delle gran­di per­p­lessità che la cit­tà ha man­i­fes­ta­to all’idea di real­iz­zare l’opera in ter­ri­to­rio comunale.

L’iter è tec­ni­ca­mente sospe­so, “in con­sid­er­azione di un com­p­lessi­vo appro­fondi­men­to degli inter­es­si pub­bli­ci sotte­si all’intervento, anche alla luce degli appor­ti pro­ced­i­men­tali per­venu­ti dai sogget­ti di inter­es­si dif­fusi e dal­la cit­tad­i­nan­za”, come spie­ga la comu­ni­cazione di rin­vio da parte dell’Ufficio Tec­ni­co comu­nale del 31 Marzo.

L’Amministrazione comu­nale con questo pas­sag­gio prende uffi­cial­mente in con­sid­er­azione la richi­es­ta di non pros­eguire con i pas­sag­gi che ren­dereb­bero il pro­ced­i­men­to defin­i­ti­va­mente operativo.

“Come ave­va­mo anche annun­ci­a­to in con­feren­za pub­bli­ca, non si può non ten­er con­to, di fronte alla man­i­fes­tazione d’interesse del Con­siglio comu­nale per l’opera, del­la grande mobil­i­tazione cit­tad­i­na che ci chiede di rivedere ques­ta deci­sione – spie­ga il sin­da­co di Roc­ca Pri­o­ra, Dami­ano Puc­ci. – Nei prossi­mi giorni, dopo un con­fron­to con i grup­pi con­sil­iari, val­uter­e­mo in mer­i­to ai pas­sag­gi più fun­zion­ali a non pros­eguire l’iter di real­iz­zazione dell’opera sul ter­ri­to­rio comu­nale, anche alla luce del fat­to che nel lim­itro­fo comune di San Cesareo è ormai in procin­to di entrare in fun­zione un servizio identico”.