PATRIMONIO, CAMPIDOGLIO: “20 IMMOBILI A BANDO PER IMPRENDITORIA GIOVANILE E ATTIVITÀ CULTURALI”

PATRIMONIO, CAMPIDOGLIO: “20 IMMOBILI A BANDO PER IMPRENDITORIA GIOVANILE E ATTIVITÀ CULTURALI”

15/04/2015 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3571 volte!

RomaPATRIMONIO, CAMPIDOGLIO: “20 IMMOBILI A BANDO PER IMPRENDITORIA GIOVANILE E ATTIVITÀ CULTURALI”

Ven­ti immo­bili del Comune ven­gono mes­si da oggi a ban­do con l’obiettivo di riv­i­tal­iz­zare il tes­su­to eco­nom­i­co e cul­tur­ale del­la cit­tà come pre­vis­to dal­la delib­era 219 del­la Giun­ta capi­toli­na del­lo scor­so luglio 2014, sec­on­do cui il pat­ri­mo­nio pub­bli­co va con­sid­er­a­to “Bene Comune” per svilup­pare nuove oppor­tu­nità per i cit­ta­di­ni, in cam­po cul­tur­ale, artis­ti­co, arti­gianale e impren­di­to­ri­ale, e per garan­tire allog­gi popo­lari.

Il pri­mo ban­do prevede l’assegnazione di 14 locali comu­nali per la real­iz­zazione di prog­et­ti impren­di­to­ri­ali inno­v­a­tivi pro­mossi da gio­vani. Il sec­on­do prevede l’assegnazione di sei immo­bili per lo svilup­po di attiv­ità cul­tur­ali. Le domande dovran­no essere pre­sen­tate entro 60 giorni (la sca­den­za è pre­vista per il 12 giug­no 2015 alle ore 12) e saran­no val­u­tate da un’apposita com­mis­sione inter­na com­pos­ta da diri­gen­ti e fun­zionari dei dipar­ti­men­ti coin­volti.   Gli immo­bili ver­ran­no dati ai vinci­tori in con­ces­sione per 6 anni, rin­nov­abili per ulte­ri­ori 6, a un canone che potrà essere abbat­tuto fino all’80% rispet­to al val­ore di mer­ca­to in fun­zione del rilie­vo delle attiv­ità pro­poste, anche val­u­tan­do even­tu­ali lavori di riqual­i­fi­cazione.

E’ pos­si­bile con­sultare i ban­di sul Por­tale di Roma Cap­i­tale, www.comune.roma.it nelle pagine dei Dipar­ti­men­ti inter­es­sati (Pat­ri­mo­nio, Cul­tura, Svilup­po eco­nom­i­co).

«Con la pub­bli­cazione di questi due ban­di – dichiara l’assessora al Pat­ri­mo­nio Alessan­dra Cat­toi – l’amministrazione capi­toli­na con­fer­ma la sua volon­tà, già più volte man­i­fes­ta­ta, di pro­cedere all’assegnazione di spazi del pat­ri­mo­nio comu­nale con la mas­si­ma trasparen­za, attra­ver­so per­cor­si chiari e sec­on­do pre­cisi cri­teri di val­u­tazione. Potran­no così essere val­oriz­zate le espe­rien­ze migliori e la qual­ità dei prog­et­ti, favoren­do nel­lo stes­so tem­po la pro­mozione cul­tur­ale dif­fusa e la riv­i­tal­iz­zazione del tes­su­to eco­nom­i­co del­la cit­tà».

“Con questo pri­mo ban­do – ha dichiara­to Mar­ta Leonori Asses­so­ra a Roma Pro­dut­ti­va – vogliamo rispon­dere all’esigenza, molto sen­ti­ta nel­la nos­tra cit­tà, di pot­er avere spazi a dis­po­sizione per attiv­ità arti­gianali ed eco­nomiche in genere per i nos­tri gio­vani. Se una ser­ran­da chiusa depau­pera il tes­su­to urbano, pun­ti­amo a far nascere nuove bot­teghe ma anche nuo­va impren­di­to­ria dig­i­tale, rac­coglien­do un’aspirazione di tan­ti gio­vani impren­di­tori e val­oriz­zan­do appieno le pro­pri­età capi­to­line”.

“Un pri­mo pas­so impor­tante – com­men­ta l’Assessore alla Cul­tura e al Tur­is­mo Gio­van­na Marinel­li — per far sì che gli spazi di ques­ta ammin­is­trazione siano sem­pre di più a dis­po­sizione del­la cit­tà e di chi in cit­tà vuole pro­muo­vere la cul­tura in tutte le sue espres­sioni”.

Related Images: