Roma. PCI Lazio e Roma sit in per Julian Assange, venerdì a PortaPia

Roma. PCI Lazio e Roma sit in per Julian Assange, venerdì a PortaPia

21/06/2022 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 745 volte!

Il Seg­re­tario del PCI Lazio, Oreste del­la Posta


“In mer­i­to all’annunciata estradizione negli Sta­ti Uni­ti di Julian Assange da parte del gov­er­no bri­tan­ni­co, il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano ritiene nec­es­sario dar vita ad una molteplic­ità di pre­si­di uni­tari a par­tire dalle gran­di cit­tà ove esistono sedi diplo­matiche del Reg­no Uni­to”, ques­ta è la dichiarazione e l’impegno con­cre­to che Oreste del­la Pos­ta e Eros Mat­ti­oli respon­s­abili del PCI del Lazio e di Roma lan­ciano a quan­ti, comu­nisti, sin­is­tra di alter­na­ti­va, sin­ceri demo­c­ra­ti­ci che vogliono la lib­ertà di stam­pa e la lib­ertà prat­i­ca­ta anche quan­do dà fas­tidio ai potenti.

“Il PCI – pros­eguono i due diri­gen­ti comu­nisti – è pri­mo pro­mo­tore di un sit in vici­no all’Ambasciata bri­tan­ni­ca a Roma, a Por­ta Pia. Da lì, una del­egazione con­seg­n­erà un doc­u­men­to criti­co con­tro la scelta del Gov­er­no Bri­tan­ni­co sull’estradizione di Julian Assange ver­so gli USA. Va da sé, che in con­sid­er­azione del tema che è stret­ta­mente con­nes­so alla lib­ertà di stam­pa e di espres­sione, noi comu­nisti e tan­ta parte del mon­do demo­c­ra­ti­co ritiene che questo stes­so mes­sag­gio che affidi­amo sia alla man­i­fes­tazione che alla dif­fu­sione come infor­mazione, ci fa richiedere pro­prio agli oper­a­tori dell’informazione, ai media, ai social media, di molti­pli­care il val­ore, i con­tenu­ti e ques­ta stes­sa comunicazione.”.”La nos­tra inizia­ti­va e pre­sen­za – con­cludono Del­la Pos­ta e Mat­ti­oli – dal­la dif­fu­sione di volan­ti­ni, alla parte­ci­pazione con bandiere, striscioni e cartel­li di protes­ta etc.sono e saran­no il seg­no con­cre­to di come grande sia la dis­tan­za tra la vendet­ta perse­gui­ta dagli USA, il servil­is­mo com­plice del­la Gran Bre­tagna e la volon­tà dei comu­nisti e dei demo­c­ra­ti­ci liberi nel mon­do. Anche nel Lazio, anche a Roma.”.