Covid, Assotutela: “sbloccare le cure già disponibili”

Covid, Assotutela: “sbloccare le cure già disponibili”

15/12/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1207 volte!

“Covid, la pro­ro­ga del­lo sta­to di emer­gen­za non deve allar­mare i cit­ta­di­ni. Dob­bi­amo creare, nel­la popo­lazione che qua­si al 90% si è sot­to­pos­ta alla vac­ci­nazione, una nuo­va con­sapev­olez­za”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to, che avan­za una pro­pos­ta a forte impat­to: “Insieme all’importante arma del vac­ci­no, sarebbe oppor­tuno puntare sulle cure tem­pes­tive, quale sup­por­to com­ple­mentare per affrontare la patolo­gia. Purtrop­po, per le con­suete pas­toie buro­cratiche, l’autorizzazione alle ter­apie è sta­ta rin­vi­a­ta a fine gen­naio 2022, una pro­ro­ga incom­pren­si­bile. Ci è sem­bra­to oppor­tuno – con­tin­ua il pres­i­dente – sposare le tesi dif­fuse dal neo cos­ti­tu­ito comi­ta­to ‘Covid Cure Subito’ di cui fan­no parte medici, ricer­ca­tori, esper­ti, comi­tati di cit­ta­di­ni che si pone quale sti­mo­lo per le isti­tuzioni, affinché siano superati i vin­coli buro­crati­ci e di ogni tipo, che a tutt’oggi stan­no osta­colan­do la piena appli­cazione dei pro­to­col­li di cure, sia domi­cil­iari che negli ospedali, per sol­lecitare l’immediata appli­cazione dei pro­to­col­li assis­ten­ziali in ospedale e al domi­cilio del paziente”. Mar­i­ta­to accen­na alle ormai numerose ter­apie, uti­liz­zate anche in assis­ten­za domi­cil­iare, che si sono riv­e­late effi­caci nell’87% dei casi. “Sen­za sminuire l’efficacia del vac­ci­no, quale far­ma­co che inibisce gli effet­ti gravi del­la malat­tia, soste­ni­amo l’inderogabilità del­la som­min­is­trazione tem­pes­ti­va degli anti­cor­pi mon­o­clon­ali e l’uso degli antivi­rali in com­mer­cio, nei trat­ta­men­ti domi­cil­iari. Risul­ta che il com­mis­sario Figli­uo­lo abbia acquis­ta­to 50mila dosi di far­ma­ci, a tutt’oggi anco­ra non disponi­bili. Cosa si attende? Vor­rem­mo pot­er annun­cia­re, quan­to pri­ma, che il Covid è un male cur­abile”, chiosa Mar­i­ta­to.