VOTO ITALIANI AMERICA DEL SUD/ BROGLI ELETTORALI, DE PALMA (FDI) A MERLO: “CHI SI SCUSA …. SI ACCUSA!”

VOTO ITALIANI AMERICA DEL SUD/ BROGLI ELETTORALI, DE PALMA (FDI) A MERLO: “CHI SI SCUSA …. SI ACCUSA!”

18/09/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 693 volte!

VOTO ITALIANI AMERICA DEL SUD/ BROGLI ELETTORALI, DE PALMA (FDI) A MERLO: “CHI SI SCUSA …. SI ACCUSA!”
 “La let­tera aper­ta del sen­a­tore Ric­car­do Mer­lo, ver­tice dell’associazione argenti­na MAIE, in rispos­ta a un’intervista apparsa su un quo­tid­i­ano nazionale sul sospet­to di brogli elet­torali del voto degli ital­iani in Amer­i­ca del Sud, con­fer­mano in modo imbaraz­zante il noto det­to lati­no, “Excu­sa­tio non peti­ta, accu­sa­tio man­i­fes­ta” –dichiara, in una nota, Vito De Pal­ma, can­dida­to di Fratel­li d’Italia in Sudamer­i­ca -. Nel­la mia inter­vista, non ho fat­to alcun rifer­i­men­to al par­ti­to del sen­a­tore Mer­lo e si mostra­vano le scher­mate degli annun­ci con­siderati ingan­nevoli e fuor­vianti rispet­to alla mia can­di­datu­ra per il cen­trode­stra, pub­bli­cati sui più noti social net­work. Se il MAIE si è sen­ti­to chiam­a­to in causa avrà evi­den­te­mente avu­to le pro­prie moti­vazioni, forse dovute ad una poco esaltante coda di paglia. Sec­on­do il sen­a­tore, ci sarebbe “lo stampino dell’algoritmo di Google”. Potrem­mo aver com­pre­so male vis­to il suo ital­iano sgangher­a­to anche dopo i molti anni trascor­si riscal­dan­do un ban­co del Sen­a­to, ma teni­amo comunque a ricor­dar­gli che gli annun­ci ven­gono pub­bli­cati solo a paga­men­to, pro­prio affinché l’algoritmo pos­sa met­ter­li in evi­den­za. Chi ha paga­to questi annun­ci in cui appaiono pro­prio i siti di tut­ti i can­di­dati del MAIE? Doman­da che prob­a­bil­mente non tro­verà mai rispos­ta, men­tre rimane il fat­to, incon­testa­bile, del dan­no elet­torale provo­ca­to alla mia can­di­datu­ra dall’operazione pub­blic­i­taria cer­ta­mente fuor­viante per l’elettorato. Il sen­a­tore avrebbe fat­to bene ad approf­ittare del­la stam­pa ital­iana per spie­gare agli ital­iani all’estero cosa ha fat­to, in Italia, durante il peri­o­do di Sot­toseg­re­tario al min­is­tero degli Esteri, in un gov­er­no che pre­tende­va di elim­inare quel­lo “Ius San­gui­nis” e che adesso invece dice di difend­ere.  Già, per­ché, ad oggi, l’unica cosa arriva­ta agli ital­iani in Amer­i­ca Merid­ionale, gra­zie alla sua dis­trat­ta polit­i­ca, è sta­to un ulte­ri­ore allunga­men­to dei tem­pi, già di per sé bib­li­ci, per rius­cire ad ottenere il turno in un qual­si­asi Con­so­la­to d’Italia per un sem­plice rin­no­vo del pas­s­apor­to. Un mal­con­tento delle comu­nità dei nos­tri res­i­den­ti all’estero, che – con­clude il can­dida­to del cen­trode­stra, Vito De Pal­ma —  ne sono cer­to, il sen­a­tore scon­terà in ter­mi­ni di voti il prossi­mo 25 set­tem­bre”.