Europee, Tiso(Confeuro): “Con nuovo parlamento Ue agricoltura torni protagonista” 

Europee, Tiso(Confeuro): “Con nuovo parlamento Ue agricoltura torni protagonista” 

13/06/2024 1 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 454 volte!

“Le elezioni europee del­lo scor­so week­end han­no delin­eato il nuo­vo par­la­men­to Ue, i cui nomi van­no via via uffi­cial­iz­zan­dosi e che nei prossi­mi cinque anni sarà chiam­a­to a trac­cia­re il proces­so leg­isla­ti­vo dell’Unione Euro­pea. Ai 705 nuovi elet­ti, di cui 76 ital­iani, Con­feu­ro intende riv­ol­gere i più autorevoli auguri di buon lavoro nell’auspicio isti­tuzionale che si lavori con con­cretez­za e sin­er­gia al fine di riportare l’agricoltura ad essere pro­tag­o­nista prin­ci­pale dell’agenda polit­i­ca di Brux­elles. E in atte­sa, dunque, di conoscere la gui­da del­la com­mis­sione Ue — sarà Von Der Leyen bis? -, la nos­tra con­fed­er­azione aus­pi­ca altresì che la nuo­va Europa e i suoi sta­ti mem­bri emani­no norme e provved­i­men­ti real­mente tesi a tute­lare le istanze dei pic­coli e medi pro­dut­tori agri­coli, loro si i veri guardiani del­la ter­ra e dell’ambiente. Mag­gior cor­ag­gio nel­la revi­sione Pac, norme strut­turali, di ampio respiro e capaci di rispon­dere pronta­mente alla evoluzione degli even­ti, ulte­ri­ore riduzione degli oneri per gli agri­coltori, val­oriz­zazione delle pic­cole e medie aziende agri­cole a liv­el­lo di red­di­to e com­mer­cial­iz­zazione di prodot­ti, meno buro­crazia e velo­ciz­zazione dei pro­ces­si deci­sion­ali. Queste le sfide ormai impro­cras­tin­abili che atten­dono le isti­tuzioni europee con l’obiettivo fon­da­men­tale di rilan­cia­re un com­par­to, come quel­lo dell’agricoltura, che potrà rap­p­re­sentare cer­ta­mente il motore pro­dut­ti­vo, eco­nom­i­co, sociale e ambi­en­tale del Vec­chio Con­ti­nente. Ai nuovi elet­ti, uni­ta­mente alla nuo­va com­mis­sione Ue, il dovere di provar­ci… e rius­cir­ci. Con­feu­ro lavo­ra e con­tin­uerà a lavo­rare in ques­ta direzione, a dife­sa dei dirit­ti dei pic­coli e medi pro­dut­tori del set­tore agri­co­lo”.
Così, in una nota stam­pa, Andrea Tiso, pres­i­dente nazionale Con­feu­ro, la Con­fed­er­azione degli Agri­coltori Europei e del Mon­do.

Related Images: