Napoli, Assotutela: “Tampone è gratis per la casta”

Napoli, Assotutela: “Tampone è gratis per la casta”

14/01/2022 0 Di Marco Montini

Hits: 55

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 398 volte!

“In questo tem­po di pan­demia, con un gov­er­no che divide la soci­età in cit­ta­di­ni di serie A e cit­ta­di­ni di serie B, che seg­re­ga in casa per­sone che non han­no fat­to altro che atten­er­si a una lib­ertà riconosci­u­ta dal­la Cos­ti­tuzione all’articolo 32 — il dirit­to di non sot­to­por­si a un trat­ta­men­to san­i­tario non volu­to — che infrange il dirit­to al lavoro, proclam­a­to dall’articolo 1 del­la Car­ta sospenden­do chi rifi­u­ta il far­ma­co che mit­i­ga gli effet­ti del Covid, pen­sava­mo di aver­le viste tutte ma non ci aspet­tava­mo di assis­tere a ciò che sta avve­nen­do a Napoli”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che annun­cia: “Al con­trario del sin­da­co del Pd Gae­tano Man­fre­di, che con una delib­era ha approva­to ‘il tam­pone sospe­so’, con la con­ces­sione del test gra­tu­ito a con­siglieri comu­nali e asses­sori del­la sua giun­ta, la nos­tra asso­ci­azione farà dono di 1000 tam­poni ai dis­oc­cu­pati napo­le­tani. Anche noi, attra­ver­so le far­ma­cie, con­ced­er­e­mo il tam­pone ‘sospe­so’, come si fa con il caf­fè – chiarisce Mar­i­ta­to – ma non a un grup­po di priv­i­le­giati, per­ché rite­ni­amo incon­cepi­bile e, per­me­t­tete­ci di dire, ver­gog­noso che si ind­i­rizzi­no le don­azioni dei cit­ta­di­ni a col­oro che godono di una lau­ta ret­ribuzione men­tre per­sone che sono in dif­fi­coltà deb­bono sop­portare costi gravosi – 15 per l’antigenico e 70 per il mol­e­co­lare – per accertare la pro­pria con­dizione di salute. Il sin­da­co fra l’altro, si mac­chia del reato di pla­gio – ironiz­za il pres­i­dente — aven­do ruba­to l’idea del tam­pone ‘sospe­so’ al dep­u­ta­to M5s Alessan­dro Ami­tra­no, che nel­lo scor­so otto­bre pro­pose ai napo­le­tani più abbi­en­ti di donare una visi­ta med­ica a cit­ta­di­ni con Isee mas­si­mo di 6000 euro. Altro che cas­ta dei coro­nati del comune”, chiosa il presidente.