Roma, Assotutela: “la ‘cura del ferro’ è un sogno svanito”

Roma, Assotutela: “la ‘cura del ferro’ è un sogno svanito”

24/11/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 113

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 429 volte!

“Non bas­ta­vano i numerosi bus incen­diati, o i guasti ripetu­ti sulle tre linee del­la met­ro­pol­i­tana, o il flop dei filobus sul­la Lau­renti­na che non si sa quan­do ripren­der­an­no il loro per­cor­so. Il sis­tema dei trasporti romano ha un altro mala­to: gli stori­ci tram e i loro bina­ri”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to, che elen­ca le emer­gen­ze: “il tram 2, che dovrebbe ripren­dere tra breve il servizio è sta­to fer­mo un anno, il 3 ha un numero di vet­ture qua­si dimez­za­to, l’8 sarà presto sospe­so e sos­ti­tu­ito con i bus per lavori urgen­ti, anche il 19 dal lunghissi­mo per­cor­so, ha un guas­to ai bina­ri nel quartiere San Loren­zo. Uno sce­nario da incubo, dovu­to alla man­can­za di pro­gram­mazione e com­pe­ten­za, per cui si sono introdot­ti tram nuovi su bina­ri ormai obso­leti. Se a tut­to ciò aggiun­giamo i faraoni­ci prog­et­ti del sin­da­co Gualtieri, tra cui figu­ra anco­ra la ridi­co­la idea del­la funi­via a Magliana, e le iper­boliche dichiarazioni sul­la piog­gia di mil­iar­di annun­ciati dal suo sosten­i­tore Zin­garet­ti il quadro diven­ta pre­oc­cu­pante”, sostiene il pres­i­dente. “Per la pre­ci­sione, il pri­mo cit­tadi­no si è spin­to a pro­muo­vere l’idea di una nuo­va lin­ea metro, la D quan­do anco­ra non si riesce a com­pletare la C men­tre sui 10 mil­iar­di e mez­zo, di cui 261 mil­ioni per i trasporti annun­ciati dal pres­i­dente del­la Regione, vor­rem­mo avere qualche ras­si­cu­razione in più per­ché di annun­ci ne abbi­amo sen­ti­ti fin trop­pi. Il fat­to è che ci tro­vi­amo con una rete tran­viaria da Ter­zo Mon­do di cui nes­suno dei due ammin­is­tra­tori si fa cari­co, come se tale sis­tema di mobil­ità su fer­ro non fos­se impor­tante per la cit­tà di Roma. Anche questo dimostra la dis­tan­za tra isti­tuzioni e cit­ta­di­ni che del­la cura del fer­ro avreb­bero estremo bisog­no”, chiosa Maritato.