Roma, Assotutela: “commemorazione defunti nel degrado dei cimiteri”

Roma, Assotutela: “commemorazione defunti nel degrado dei cimiteri”

03/11/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 54

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 450 volte!

“Com­mem­o­razione dei defun­ti: nel­la gior­na­ta del ricor­do, insieme alla nos­tal­gia si leva, purtrop­po un gri­do di indig­nazione. I cimi­teri capi­toli­ni sono uno schi­af­fo alla decen­za, all’accoglienza, al sereno riposo dei nos­tri cari”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che attac­ca: “Oltre alla preghiera per chi non c’è più, nel­la gior­na­ta in cui tut­ti noi cele­bri­amo i nos­tri affet­ti per­du­ti non pos­si­amo non rilan­cia­re una denun­cia che facem­mo qualche tem­po fa. La situ­azione del Ver­a­no, di Pri­ma Por­ta e del Lau­renti­no è diven­ta­ta ormai insosteni­bile. Mesi di atte­sa per le cre­mazioni, loculi esauri­ti, peri­co­lo di fur­ti per chi va in visi­ta, insi­curez­za, scan­dali che inve­stono l’organizzazione e dis­servizi di ogni tipo ven­gono con­tin­u­a­mente seg­nalati dai famil­iari dei defun­ti, affran­ti per una situ­azione grave che è sta­ta costan­te­mente igno­ra­ta dai ver­ti­ci del­l’A­ma e dal­l’am­min­is­trazione capi­toli­na”, sot­to­lin­ea Mar­i­ta­to. “Sono con­tinui i recla­mi che per­ven­gono da con­giun­ti che non san­no come porre riparo a un degra­do ormai irri­me­di­a­bile. Bas­ta guardare alcune immag­i­ni per ren­der­si con­to: erba incol­ta, ter­reno che frana, luci per­petue non fun­zio­nan­ti, fontanelle a sec­co e via elen­can­do. Vor­rem­mo sapere a quan­to ammon­ta il pre­mio di buonus­ci­ta di Ste­fano Zaghis ammin­is­tra­tore Ama — parte­ci­pa­ta comu­nale a cui com­pete la ges­tione dei cimi­teri — che è fres­co di dimis­sioni. Il man­ag­er, con un piede fuori dal­la por­ta di via Calderon del­la Bar­ca, ha dichiara­to di ‘las­cia­re una realtà risana­ta’ ma è sot­to gli occhi di tut­ti i romani in cosa con­siste il risana­men­to. E i cimi­teri sono la realtà più dolorosa di questo dis­as­tro”, chiosa il presidente.