Marino. Piena soddisfazione di Santinelli per firma convenzione per gestione Parco Maura Carrozza ed ex chiesetta. Cinque anni di programmazione di cultura, attività sociale, difesa ambientale e approfondimento politico

Marino. Piena soddisfazione di Santinelli per firma convenzione per gestione Parco Maura Carrozza ed ex chiesetta. Cinque anni di programmazione di cultura, attività sociale, difesa ambientale e approfondimento politico

01/11/2021 2 Di Maurizio Aversa

Hits: 0

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1186 volte!

Una inizia­ti­va al Par­co Mau­ra Car­roz­za, ex chieset­ta, a cura di Bibliopop

“Nelle set­ti­mane scorse – rac­con­ta Ser­gio San­ti­nel­li, Pres­i­dente dell’associazione Acab/Bibliopop APS — abbi­amo provve­du­to a fir­mare la con­ven­zione di ges­tione del Par­co Mau­ra Car­roz­za e del­la ex chieset­ta in cui opera la Bib­liote­ca popo­lare “Gisel­da Rosati” ormai nota anche molto oltre i con­fi­ni comu­nali come Bib­lioPop”. “Dopo la caparbi­età dimostra­ta nel far nascere la bib­liote­ca popo­lare in uno scant­i­na­to, pur di non perdere l’occasione di uti­liz­zare un fon­do librario di notev­ole spes­sore che ci è sta­to dona­to, – con­tin­ua San­ti­nel­li – abbi­amo inizia­to un rap­por­to abbas­tan­za rude, ma schi­et­to, nei con­fron­ti del comune affinchè non fos­se abban­do­nate a se stes­so un immo­bile ed un gia­rdi­no che vede­va­mo non ben cura­to. Il comune anche in virtù di vicende per­son­ali che riguar­da­vano la ges­tione antecedente, si con­vinse a pro­muo­vere un ban­do pub­bli­co per gestire par­co ed ex chieset­ta sec­on­do prog­et­ti di cura e final­ità di pub­bli­ca fruibil­ità. Fu così che, sep­pure con una asseg­nazione di breve peri­o­do (un anno e mez­zo, poi dilazion­a­to in atte­sa di ulte­ri­ore ban­do pub­bli­co), Bib­lioPop prese vita con una pre­sen­za a dir poco strepi­tosa. Sia dal pun­to di vista del­la cura del Par­co, sia nel­la trasfor­mazione del­la ex chieset­ta in casa di molte asso­ci­azioni, da cui inizia­tive gestite insieme o in autono­mia di ANPI, Italia Cuba, Italia Nos­tra Castel­li romani, Grup­po dei Dod­i­ci, Stop Cemen­to, e tante altre realtà e grup­pi e comi­tati che han­no potu­to svol­gere quelle attiv­ità di cresci­ta e pre­sen­za civi­ca, sociale, cul­tur­ale, ambi­en­tale e polit­i­ca che dan­no qual­ità ad una comu­nità. Purtrop­po – sot­to­lin­ea il Pres­i­dente – nell’ultimo anno e mez­zo col covid sono state tagli­ate il 90% delle attiv­ità pro­gram­mate. E’ impor­tan­tis­si­mo quin­di, che il nuo­vo ban­do, che ha avu­to l’esito in pri­mav­era e che tro­va ora il sug­gel­lo giuridi­co-legale per la riparten­za dei prossi­mi cinque anni, pos­sa con­tare pro­prio sul­la pos­si­bil­ità di questo lus­tro di pro­gram­mazione. Il nos­tro ind­i­riz­zo, la nos­tra bar­ra, res­ta la medes­i­ma, col priv­i­le­gia­re la fun­zione di bib­liote­ca popo­lare e la dif­fu­sione del­la cul­tura del libro e del­la let­tura ( per qual­si­asi età e di qual­si­asi genere librario). E’ in questo sen­so, fidan­do nelle colonne di intel­let­tuali che ci aiu­tano a guidare questo per­cor­so, abbi­amo attin­to da Mar­co Onofrio l’idea, ora real­iz­za­ta, del­la pro­mozione di un Pre­mio Let­ter­ario Nazionale (Moby Dick-Danko).

Inse­di­a­men­to del Pre­mio Moby Dick Danko, pre­siedu­to da Vit­to­rio Nocenzi


Sem­pre in tal sen­so, pog­gian­do solide basi sul­la volon­tà di inter­azione con le scuole del ter­ri­to­rio, e con l’esperienza del nos­tro gia­r­diniere di fidu­cia (Mau­r­izio Iagher), abbi­amo parte­ci­pa­to e vin­to in quo­ta parte un ban­do regionale (sostenu­ti dal comune) per rin­no­vare col­ture pra­tive e sper­i­menta­re la cura del­la ter­ra coi bam­bi­ni delle scuole. Insom­ma – con­clude Ser­gio San­ti­nel­li – la nos­tra piena ripresa di attiv­ità con le let­ture nel Par­co e in Bib­liote­ca a cura di Lau­ra Sil­vestri, le varie attiv­ità all’aria aper­ta, la recente Fes­ta sol­i­dale con Cuba, le pre­sen­tazioni del libro di Michele San­toro il 15 (che per ragioni di capien­za svol­ger­e­mo pres­so il Teatro Vit­to­ria a Mari­no), e del film real­iz­za­to per il cen­te­nario del­la nasci­ta del PCI dall’Archivio Audio­vi­si­vo del Movi­men­to Operaio e Demo­c­ra­ti­co regia di Mon­i­ca Mau­r­er e il mon­tag­gio di Mile­na Fiore che proi­et­ter­e­mo la set­ti­mana suc­ces­si­va, dimostra­no che le basi solide del­la nos­tra azione pro­pos­ta cul­tur­ale può ben disp­ie­gar­si con una ges­tione riconosci­u­ta nei prossi­mi cinque anni. Le firme che abbi­amo appos­to col diri­gente dott. Rober­to Gasabar­roni, in attuazione del­la polit­i­ca comu­nale in questo ambito, tes­ti­mo­ni­ano sia la bon­tà del per­cor­so svolto sia la fidu­cia accor­dat­aci per il prossi­mo futuro. Atten­di­amo, come soli­ta­mente accade, tan­ta rispon­den­za da parte dei cit­ta­di­ni e mag­a­ri uno scat­to mag­giore a vol­er parte­ci­pare diret­ta­mente, come alcu­ni gio­vani già fan­no, alla ges­tione di Bib­lioPop.”. Nel frat­tem­po, come tes­ti­mo­ni­a­to dalle cronache, ad elezioni avvenute, si è potu­to assis­tere, così come c’erano sta­ti ampi apprez­za­men­ti da parte del­la Ammin­is­trazione prece­dente, anche il neosin­da­co ha avu­to parole pois­i­tive, pro­mun­ci­ate pub­bli­ca­mente pro­prio nei con­fron­ti del lavoro cul­tur­ale e di cura del gia­rdi­no che Acab Bib­liopop APS por­ta avan­ti quotidianamente.

Qui com­po­nen­ti il Comi­ta­to Esec­u­ti­vo ed alcu­ni soci posano con in evi­den­za una delle inizia­tive ricor­ren­ti di Bib­liopop, il calendario