La solidarietà di Assotutela alla onorevole Pezzopane

La solidarietà di Assotutela alla onorevole Pezzopane

25/10/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 155

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 644 volte!

“Dibat­ti­to politi­co, con­fron­to, dialet­ti­ca: è questo il sale del­la nos­tra democrazia, il faro che dovrebbe illu­minare sem­pre il con­testo sociale e civile. Sviare da tali det­ta­mi sig­nifi­ca offend­ere non solo il sin­go­lo ma l’intera col­let­tiv­ità”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che spie­ga: “L’invettiva riv­ol­ta alla par­la­mentare Ste­fa­nia Pez­zopane da parte di Umber­to Dante las­cia di stuc­co. Non solo per la vacuità delle argo­men­tazioni ma per la vir­u­len­za delle stesse e l’infelice rifer­i­men­to alla sorte dei figli defor­mi degli spar­tani, con evi­dente, spregev­ole allu­sione”. Il pres­i­dente esprime a Pez­zopane tut­ta la sol­i­da­ri­età per il feroce attac­co: “Esp­ri­mo a nome mio e di tut­ti col­oro che rap­p­re­sen­to, sol­i­da­ri­età all’amica Ste­fa­nia Pez­zopane, don­na di gran­dis­si­mo spes­sore umano e cul­tur­ale, una eccel­len­za del­la polit­i­ca”. E si sof­fer­ma, Mar­i­ta­to, sul­la sorte di Spar­ta che prat­i­ca­va il sac­ri­fi­cio dei figli get­tati dal monte Taige­to. “Di tutte le cit­tà del­la Gre­cia – aggiunge il pres­i­dente – Spar­ta è l’unica a non aver las­ci­a­to all’umanità né uno scien­zi­a­to, tan­tomeno un artista e neanche un seg­no del­la sua grande poten­za. Forse gli spar­tani, sen­za saper­lo, elim­i­nan­do i loro neonati han­no ucciso i pro­pri poeti, i musicisti, i filosofi”. Il post del pro­fes­sore risale al 3 otto­bre ma soltan­to oggi, a 20 giorni di dis­tan­za la dep­u­ta­ta ha rispos­to, non sen­za aver incas­sato attes­ta­ti di sti­ma e sol­i­da­ri­età unanime. Da parte dei col­leghi di par­ti­to, la sol­i­da­ri­età è sta­ta totale: “Pez­zopane è una don­na che tan­to ha fat­to per la pro­pria cit­tà e con­tin­ua a fare – ha dichiara­to Loren­za Panei, por­tav­oce del­la Con­feren­za delle demo­c­ra­tiche abruzze­si – che qualche suo concit­tadi­no mis­ogi­no non perde occa­sione di attac­care. L’ultimo attac­co, sicu­ra­mente di natu­ra polit­i­ca, di un ex pro­fes­sore uni­ver­si­tario è davvero ignobile”.