Roma, sopralluogo di Rivoluzione Animalista e Sgarbi nel canile di Ponte Marconi

Roma, sopralluogo di Rivoluzione Animalista e Sgarbi nel canile di Ponte Marconi

29/09/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 49

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 249 volte!

“Nel­la mat­ti­na­ta di ieri Riv­o­luzione Ani­mal­ista ha orga­niz­za­to una visi­ta in uno dei canili comu­nali di Roma, quel­lo di Ponte Mar­coni, insieme all’onorevole Vit­to­rio Sgar­bi, che si è reso con­to in pri­ma per­sona delle dif­fi­cili con­dizioni a cui sono abit­uati gli ani­mali del­la strut­tura. Nel caso speci­fi­co, ad esem­pio, abbi­amo potu­to ril­e­vare una strut­tura obso­le­ta e fatis­cente sia nel­la zona dei box, che per ciò che con­cerne i servizi igien­i­ci, dove non esiste la divi­sione uomini/donne tan­tomeno un servizio per dis­abili. Inoltre, gli ani­mali ver­reb­bero vis­i­tati dal vet­eri­nario su un tavo­lo deĺla zona bar/pranzo, ris­er­va­ta agli operatori.
L’i­nosser­van­za da parte del per­son­ale vet­eri­nario di alcune clau­sole del­la con­ven­zione stip­u­la­ta con il Comune di Roma e che com­por­ta riduzione di per­son­ale e tem­pi di pre­sen­za degli stes­si in canile, starebbe com­por­tan­do una morìa di cani per man­can­za di cure anche tem­pes­tive. Il più delle volte i volon­tari impi­etosi­ti dalle loro sof­feren­ze inter­ver­reb­bero per­sonal­mente per far curare i cani in strut­ture pri­vate a pro­prie spese. Cani prove­ni­en­ti da un seque­stro effet­tua­to l’11 agos­to, posti in quar­an­te­na da quel­la data, sep­pur scadu­ti i ter­mi­ni dei pre­visti con­trol­li, alla data odier­na sono anco­ra rinchiusi in bui box con vista muro: prati­ca­mente davan­ti alla rete del box s’in­nalza un muro che non per­me­tte ai poveri ani­mali alcu­na vista. Pazzesco, queste sono le inde­cen­ti con­dizioni di vita dei quadru­pe­di di Ponte Mar­coni. E, oltre alla reclu­sione forza­ta che si pro­trae ormai da oltre un mese e mez­zo sen­za alcu­na pre­vi­sione favorev­ole per­chè questi poveri ani­mali torni­no a vedere la luce del sole, anche la seg­regazione con iso­la­men­to non dovu­to. Dunque, siamo di fronte a una situ­azione davvero illog­i­ca e fuori luo­go, che l’amministrazione Rag­gi con­tin­ua a non vol­er affrontare e risol­vere. Per Riv­o­luzione Ani­mal­ista, invece, “Il canile non è polit­i­ca: non si può pen­sare agli ani­mali solo come vei­co­lo di voti ma è nec­es­sario che nel rispet­to di tut­ti loro, si inter­ven­ga 365 giorni l’an­no per resti­tuire loro la dig­nità ruba­ta dal­l’essere umano. Anche per questo Riv­o­luzione Ani­mal­ista ha inten­zione di isti­tuire un “Ani­mal Welfare”.
Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Caramanica.