MARINO, DE SANTIS-DE FELICE: “ISTRUZIONE DI QUALITA’. NECESSARIA NUOVA SCUOLA SUPERIORE IN CITTÀ”

MARINO, DE SANTIS-DE FELICE: “ISTRUZIONE DI QUALITA’. NECESSARIA NUOVA SCUOLA SUPERIORE IN CITTÀ”

23/09/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 195

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 993 volte!

“La cresci­ta di un ter­ri­to­rio come Mari­no non può pre­scindere dal­la cresci­ta for­ma­ti­va e cul­tur­ale dei suoi gio­vani cit­ta­di­ni. La scuo­la per­tan­to è la nos­tra pri­or­ità per­ché le nuove gen­er­azioni sono il seme del­la comu­nità che cresce”. A sot­to­lin­ear­lo, in una nota, sono il can­dida­to sin­da­co Fab­rizio De San­tis e la can­di­da­ta prosin­da­co Gabriel­la De Felice, sostenu­ti in occa­sione delle elezioni ammin­is­tra­tive di Mari­no del 3 e 4 otto­bre dal­la coal­izione com­pos­ta da Fratel­li d’Italia, Cam­bi­amo-Rinasci­men­to, Cit­tà di Mari­no — Una Pag­i­na da scri­vere, Movi­men­to 2.0 De San­tis sin­da­co, Uni­ti si fa, e Mari­no Giovane.

Per De San­tis e De Felice la scuo­la e l’istruzione rap­p­re­sen­tano uno degli asset fon­da­men­tali del pro­gram­ma elet­torale, due aspet­ti del­la vita ammin­is­tra­ti­va che saran­no pri­mari nell’agenda isti­tuzionale, una vol­ta elet­ti a Palaz­zo Colon­na: “Ogni anno sono moltissi­mi i gio­vani di Mari­no che, a soli 14 anni, super­a­to l’esame di terza media, sono costret­ti ad allon­ta­nar­si dal nos­tro ter­ri­to­rio. Mari­no deve dotar­si innanz­i­tut­to di un nuo­vo isti­tu­to supe­ri­ore, neces­sità che non può più essere rin­vi­a­ta — spie­gano De San­tis e De Felice -. Sol­le­citer­e­mo dunque gli enti sovra­co­mu­nali, dal­la Cit­tà Met­ro­pol­i­tana alla Regione Lazio fino al Min­is­tero com­pe­tente, per la real­iz­zazione di una scuo­la supe­ri­ore e per il reper­i­men­to dei rel­a­tivi fon­di. Un isti­tu­to da inti­to­lare alla memo­ria dell’insegnante Anna­maria Ascolese”.

Chiara­mente sarà altissi­ma l’attenzione anche per i plessi di pro­pri­età comu­nale: “Imple­menter­e­mo ad esem­pio la manuten­zione e la ristrut­turazione delle strut­ture esisten­ti. E sti­amo pen­san­do alla real­iz­zazione di un Cam­pus, che potrebbe sod­dis­fare più agevol­mente le esi­gen­ze degli stu­den­ti e incre­mentare l’ef­fi­cien­za in ter­mi­ni di logis­ti­ca e trasporto pub­bli­co”, aggiun­gono anco­ra il can­dida­to sin­da­co e la can­di­da­ta prosin­da­co. Sen­za dimen­ti­care l’implementazione di un “sis­tema di attiv­ità extrasco­las­tiche a con­dizioni agevolate e favorevoli alle famiglie”; “l’Attività sporti­va negli isti­tu­ti sco­las­ti­ci in col­lab­o­razione con le soci­età e le asso­ci­azioni sportive del ter­ri­to­rio”, e la con­vo­cazione di un “tavo­lo di con­fron­to con gli Atenei per la creazione di sedi dis­tac­cate di Facoltà Uni­ver­si­tarie. E anco­ra il poten­zi­a­men­to del sis­tema di trasporto sco­las­ti­co per agevolare il rag­giung­i­men­to dei plessi prescelti dai nos­tri ragazzi”, chiosano De San­tis e De Felice.