Roma, Maritato(Lega): “La Corte dei conti indaga, Zingaretti esulta”

Roma, Maritato(Lega): “La Corte dei conti indaga, Zingaretti esulta”

22/09/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 59

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 382 volte!

“La fase istrut­to­ria delle indagi­ni sug­li acquisti in pan­demia è anco­ra in essere. Sono inchi­este del­i­cate per­ché nate in con­testo emer­gen­ziale”. Ques­ta la dichiarazione uffi­ciale del­la Corte dei con­ti, che il can­dida­to del­la Lega al Campi­doglio Michel Mar­i­ta­to, che com­men­ta così: “La cer­i­mo­nia del Ren­di­con­to gen­erale del­la Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2020, ha evi­den­zi­a­to che i giu­di­ci ammin­is­tra­tivi si trovano di fronte a una istrut­to­ria com­p­lessa sulle spese effet­tuate, che anco­ra deve essere appro­fon­di­ta. Ma il pres­i­dente Nico­la Zin­garet­ti e l’assessore alla San­ità Alessio D’Amato non per­dono la loro abil­ità comu­nica­ti­va e capo­vol­go­no la nar­razione, facen­do pas­sare ques­ta fase inter­locu­to­ria e di appro­fondi­men­to come un suc­ces­so per pre­sun­ti risul­tati lus­inghieri del­la Regione Lazio”. Mar­i­ta­to chiarisce anco­ra: “I due espo­nen­ti del Pd, nelle dichiarazioni rilas­ci­ate ai media, riferiscono la parte buona del­la relazione dei mag­is­trati, notizie sec­on­do cui durante la pan­demia i cit­ta­di­ni del Lazio ci avreb­bero rimes­so meno di 50 cen­tes­i­mi pro capite, in ter­mine di spe­sa pub­bli­ca, dimen­ti­can­do di speci­fi­care che al con­to totale, si dovran­no aggiun­gere i 13 mil­ioni volatiliz­za­ti, imp­ie­gati per acquistare mascher­ine che non sono mai arrivate nei mag­a­zz­i­ni di Asl, far­ma­cie e ospedali del Lazio”, rin­cara il can­dida­to. “Con la mas­si­ma fidu­cia nelle nos­tre isti­tuzioni, sicu­ra­mente rag­gi­rate da soci­età poco serie – insiste – sare­mo sereni soltan­to a indagi­ni con­cluse e con­sigliamo agli espo­nen­ti region­ali, gran­di elet­tori del can­dida­to sin­da­co Gualtieri, di pro­nun­cia­r­si solo allo­ra, per una ques­tione di chiarez­za, trasparen­za e onestà nei con­fron­ti dei cittadini”.