Roma. Cristina Cirillo, PCI, risponde all’appello dell’Ordine dei Geologi, aderendo.

Roma. Cristina Cirillo, PCI, risponde all’appello dell’Ordine dei Geologi, aderendo.

22/09/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 302

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1253 volte!

Cristi­na Cir­il­lo, can­di­da­ta sin­da­co di Roma del Par­ti­to Comu­nista Italiano


Ai can­di­dati sin­da­co del­la Cap­i­tale, nei giorni scor­si, è per­venu­to un appel­lo dell’Ordine dei Geolo­gi del Lazio. Cristi­na Cir­il­lo, can­di­da­ta sin­da­ca alle elezioni ammin­is­tra­tive di Roma 2021, per il PCI — Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, risponde pos­i­ti­va­mente all’appello lan­ci­a­to dall’Ordine dei Geolo­gi del Lazio, “per l’obiettivo 11 dell’Agenda 2030 “Roma, cit­tà sosteni­bile”. Pri­mo pun­to di con­di­vi­sione è il grande tema del con­sumo di suo­lo. – evi­den­zia la can­di­da­ta sin­da­co — E’ fon­da­men­tale evitare di espan­dere ulte­ri­or­mente l’ur­ban­iz­zazione e quin­di l’oc­cu­pazione antrop­i­ca del ter­ri­to­rio. Un ter­ri­to­rio urban­iz­za­to è “bloc­ca­to” e inca­pace di resistere ad even­ti nat­u­rali estre­mi (es: even­ti mete­o­ro­logi­ci estre­mi). – quin­di denun­cia Cristi­na Cir­il­lo — In altre parole, non è nec­es­sario costru­ire, quan­do ci sono molti allog­gi non occu­pati, inven­du­ti, da pot­er recu­per­are. Spes­so, con la scusa del­la pre­sun­ta man­can­za di abitazioni, è sta­to con­ces­so alle imp­rese di costru­ire — anche con sovven­zioni pub­bliche – aven­do gli stes­si costrut­tori, al con­tem­po, numerosi allog­gi inven­du­ti, causa prezzi trop­po alti. Sec­on­do pun­to è un’accurata conoscen­za del ter­ri­to­rio e dei suoi rischi. Spes­so si pen­sa che, viven­do in un con­testo urbano, non ci siano prob­le­mi e non si osser­va nem­meno quan­to accade intorno: non dimen­tichi­amo, ad esem­pio, che qualche anno fa, al quartiere Infer­net­to, alcune per­sone han­no per­so la vita nel ten­ta­ti­vo di tirare fuori l’auto dal garage, durante un forte tem­po­rale. Allo stes­so tem­po ci sono molte strut­ture ed edi­fi­ci ormai fatis­cen­ti, quan­do la neces­sità del “fas­ci­co­lo fab­bri­ca­to” è sta­ta accan­to­na­ta. – quin­di così chiosa la can­di­da­ta comu­nista — In con­clu­sione, la “resilienza”di un ter­ri­to­rio urbano — e non — deri­va da un’accurata conoscen­za e da un’efficace opera di pre­ven­zione. Purtrop­po, in molti rischi ter­ri­to­ri­ali (vedi il sis­ma) non c’è pos­si­bil­ità di prevedere, ma solo di pre­venire le con­seguen­ze. Per tut­to ciò, il PCI rib­adisce la sua rispos­ta pos­i­ti­va al cita­to appel­lo dell’Ordine dei Geolo­gi del Lazio. Gra­zie per l’opportunità e migliori auguri di buon lavoro”.