Roma, Maritato(Lega): “Metro C San Giovanni disfatta di Raggi”

Roma, Maritato(Lega): “Metro C San Giovanni disfatta di Raggi”

20/09/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 103

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 456 volte!

“Ė il 12 mag­gio 2018, la sin­da­ca Rag­gi, in pom­pa magna, inau­gu­ra il capo­lin­ea del­la metro C a San Gio­van­ni, van­tan­dosi per aver real­iz­za­to il mira­coloso ‘nodo’ con la lin­ea A, ovvero un col­lega­men­to sot­ter­ra­neo tra stazioni, con grande van­tag­gio per i cit­ta­di­ni di Roma sud est”. Lo dichiara il can­dida­to del­la Lega in Campi­doglio Michel Mar­i­ta­to, in tan­dem con Simon­et­ta Matone. “A tutt’oggi, ci tro­vi­amo con un nul­la di fat­to, cantieri eterni e i cit­ta­di­ni costret­ti a un fas­tidioso e peri­coloso andiriv­ieni tra le stazioni e la stra­da, per effet­tuare lo scam­bio dei treni, tut­to a causa dell’incapacità e dell’inerzia dell’amministrazione capi­toli­na che anco­ra non com­ple­ta il col­lega­men­to”. Anco­ra Mar­i­ta­to: “Per com­pren­dere la grav­ità del­la situ­azione, bas­ta leg­gere i reso­con­ti del­la com­mis­sione Mobil­ità in Campi­doglio, che si tenne nel dicem­bre 2019. Si affer­ma­va che le oper­azioni nec­es­sarie all’adeguamento del­la stazione San Gio­van­ni, neces­si­tan­do la chiusura dell’intera Lin­ea, sareb­bero state effet­tuate nell’estate 2020 o nell’estate 2021. In effet­ti – pre­cisa Mar­i­ta­to – per molti fine set­ti­mana del­la scor­sa estate siamo sta­ti pri­vati del servizio del­la metro C ma di adegua­men­ti nem­meno l’ombra. Nes­suno, dagli uffi­ci comu­nali, si è sen­ti­to in dovere di dare spie­gazioni ai cit­ta­di­ni: l’opera dove­va essere com­ple­ta­ta da Roma Met­ro­pol­i­tane, una soci­età parte­ci­pa­ta del comune che, sot­to l’amministrazione Rag­gi è mis­era­mente fal­li­ta. Alla fine dell’estate 2021 l’evidenza è di fronte a tut­ti: opere bloc­cate, dis­a­gi per i cit­ta­di­ni, e gli enti coin­volti, ovvero il Gen­er­al Con­trac­tor Metro C, i Vig­ili del Fuo­co e l’Atac fuori gio­co, con il con­cre­to ris­chio che l’opera pos­sa essere pri­ma o poi stral­ci­a­ta. Questi sono i risul­tati prodot­ti dall’incapacità del­la giun­ta Raggi”.