Marino. La discarica di Roncigliano (Albano) ci riguarda. Va chiusa e risanata, Il 10 Manifestazione ad Albano

Marino. La discarica di Roncigliano (Albano) ci riguarda. Va chiusa e risanata, Il 10 Manifestazione ad Albano

07/09/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 286

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1261 volte!

Una assem­blea pub­bli­ca a Bib­lioPop su Rifiu­ti, Ambi­ente, Dis­car­i­ca pre­siedu­ta da Enri­co Del Vescovo


“Come è scrit­to sul nos­tro pro­gram­ma e tes­ti­mo­ni­a­to dalle numerose prese di posizione nel tem­po, il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano ha una posizione net­tis­si­ma sul­la ges­tione dei rifiu­ti e, par­ti­co­lar­mente sul­la vicen­da del­la dis­car­i­ca di Albano. – com­men­ta­mo Ser­gio San­ti­nel­li capolista del PCI alle ammin­is­tra­tive di Mari­no e il can­dida­to Sin­da­co comu­nista Ste­fano Ender­le -. Anche sen­za riportare inte­gral­mente il nos­tro scrit­to, per comod­ità di let­tura rac­chi­u­di­amo qui, scrit­to da Italia Nos­tra Castel­li romani, la nos­tra iden­ti­ca opin­ione. (Del resto non a caso Enri­co del Vesco­vo il rap­p­re­sen­tante di Italia Nos­tra ha svolto una dichiarazione di con­di­vi­sione del­la nos­tra battaglia ammin­is­tra­ti­va a Mari­no). La dis­car­i­ca di Albano va chiusa e risana­ta. “Piano di risana­men­to: 1. Per cias­cu­na area dichiara­ta ad ele­va­to ris­chio di crisi ambi­en­tale, il piano di risana­men­to indi­vid­ua le mis­ure urgen­ti da atti­vare per rimuo­vere i fenomeni in atto e le situ­azioni di ris­chio ambi­en­tale e san­i­tario, nonché per avviare il recu­pero ambi­en­tale e la riqual­i­fi­cazione dell’area. 2. Il piano di risana­men­to, sul­la base del­la ric­og­nizione degli squilib­ri ambi­en­tali e delle fonti inquinan­ti, dispone le mis­ure dirette: a) a ridurre o elim­inare i fenomeni di squilib­rio ambi­en­tale e di inquina­men­to e alla real­iz­zazione e all’impiego, anche agevolati, di impianti ed appa­rati per elim­inare o ridurre l’inquinamento; b) alla vig­i­lan­za sui tipi e modi di pro­duzione e sull’utilizzazione dei dis­pos­i­tivi di elim­i­nazione o riduzione dell’inquinamento e dei fenomeni di squilib­rio; c) a garan­tire la vig­i­lan­za e il con­trol­lo sul­lo sta­to dell’ambiente e sull’attuazione degli inter­ven­ti.”. Ecco per­ché – pros­eguono San­ti­nel­li ed Ender­le – sono odiose le passerelle di espo­nen­ti politi­ci ed isti­tuzion­ali che par­lano e non fan­no. Sono odiose le forza­ture con con­seguen­ti delit­ti ambi­en­tali che sin­da­ca dei cinque stelle, pres­i­dente del PD, e vari elet­ti del­la destra che sosten­gono il Gov­er­no Draghi, che tra una chi­ac­chiera e l’altra con­tin­u­ano a far giun­gere le mille ton­nel­late all’invaso. Ecco per­ché, a mag­gior ragione – con­cludono i due espo­nen­ti comu­nisti – è odioso, da noi denun­ci­a­to con forza e pari­men­ti con la dichiarazione di mas­si­ma sol­i­da­ri­età al com­pag­no inter­es­sato, che le isti­tuzioni siano esse di elet­ti o di polizia, di fronte a cit­ta­di­ni che addi­tano un enorme prob­le­ma, vengano essi crim­i­nal­iz­za­ti ad essere il prob­le­ma. E’ un giochi­no tal­mente vec­chio e stan­tio, che non spaven­ta nes­suno e che non ammor­bidisce nes­suno. No alla dis­car­i­ca non è un pro­gram­ma che si può medi­are: lo sap­pi­ano M5S, PD e destre! Sol­i­da­ri­età e vic­i­nan­za per il com­pag­no ambi­en­tal­ista ed antifascista, attivista del No Inc., rag­giun­to dal provved­i­men­to di foglio di via per 6 mesi dal comune di Albano Laziale. Sap­pi­amo chi siamo e di cosa par­liamo e a noi comu­nisti sem­bra par­ti­co­lar­mente grave – come det­to pub­bli­ca­mente anche dall’assemblea con­tro la dis­car­i­ca — , su tutte, l’attribuzione al com­pag­no in ques­tione di numerosi prece­den­ti, rispet­ti­va­mente per “ris­sa”, “resisten­za a pub­bli­co uffi­ciale” e perfi­no “vio­lazione del­la nor­ma­ti­va in mate­ria di armi”, che sono invece com­ple­ta­mente inven­tati. Ora c’è un nuo­vo appun­ta­men­to pub­bli­co, la man­i­fes­tazione del 10 set­tem­bre ad Albano, noi ci saremo”.