In Italia iniziano i controlli sui Green Pass. I Carabinieri sanzionano 37 locali

In Italia iniziano i controlli sui Green Pass. I Carabinieri sanzionano 37 locali

20/08/2021 0 Di puntoacapo

Hits: 56

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 474 volte!

CONTROLLI SUI GREEN PASS:

CARABINIERI NAS CONTESTANO 37 IRREGOLARITÀ

 La recente intro­duzione delle dis­po­sizioni pre­viste dal D.L. n. 105 del 23 luglio 2021 ha pre­vis­to il pos­ses­so obbli­ga­to­rio del­la cer­ti­fi­cazione verde Covid-19 (c.d. “Green Pass”) per l’accesso a deter­mi­nate cat­e­gorie di attiv­ità e servizi.

In tale con­testo il Coman­do Cara­binieri per la Tutela del­la Salute ha avvi­a­to una cam­pagna di con­trol­lo a liv­el­lo nazionale pres­so servizi di ris­torazione, palestre e piscine cop­erte, cen­tri ricre­ativi e sale gio­co e scommesse, al fine di appu­rare la cor­ret­ta appli­cazione delle pro­ce­dure di ammis­sione degli uten­ti ai servizi erogati.

Ad oggi sono state 37 le sanzioni con­tes­tate, delle quali 19 ai gestori di ris­toran­ti, bar, palestre, sale scommesse e sale giochi per non aver accer­ta­to in pos­ses­so del­la cer­ti­fi­cazione verde COVID, ammet­ten­do avven­tori a con­sumare pietanze e bevande al tavo­lo all’interno dei locali o con­sen­ten­done l’accesso sen­za ver­i­fi­ca. Ulte­ri­ori 18 vio­lazioni sono state appli­cate nei con­fron­ti dei cli­en­ti e delle uten­ze per man­ca­to pos­ses­so del green pass.

3 / 4 delle sanzioni ril­e­vate nel cor­so dei con­trol­li svolti dai Cara­binieri NAS sono ricon­ducibili a strut­ture di som­min­is­trazione di ali­men­ti e bevande, quali ris­toran­ti, pizzerie e bar. La restante parte è sta­ta invece indi­vid­u­a­ta in palestre (24%) e pres­so sale gio­co e scommesse (11%): in ispezioni dis­tinte con­dotte in tre palestre di Viareg­gio (LU), Camaiore (LU) e Cervi­g­nano del Friuli (UD), i NAS di Livorno e Udine han­no sanzion­a­to i 3 tito­lari delle attiv­ità e 6 fre­quen­ta­tori risul­tati sprovvisti di cer­ti­fi­cazione verde, indi­vid­uati men­tre svol­gevano attiv­ità fisi­ca all’interno delle strut­tura. Tra le situ­azioni par­ti­co­lari, il NAS di Cre­mona ha con­tes­ta­to 4 sanzioni a segui­to di man­cate ver­i­fiche sug­li acces­si in assen­za di green pass pres­so una paninote­ca di una nota cate­na inter­nazionale di fast-food di Castel­puster­len­go (MN) e pres­so un eser­cizio di ris­torazione di una nota azien­da ital­iana di ris­toran­ti tex-mex, ubi­ca­to nel capoluogo.

Com­p­lessi­va­mente sono state irro­gate sanzioni ammin­is­tra­tive per 14.800 euro.

Oltre alla ver­i­fi­ca del­la cer­ti­fi­cazione verde COVID, i con­trol­li dei NAS han­no riguarda­to, nel­lo stes­so frangente, anche la cor­ret­ta appli­cazione delle restanti mis­ure di con­teni­men­to alla dif­fu­sione pan­dem­i­ca, con­te­s­tando 102 vio­lazioni nei con­fron­ti di bar, ris­toran­ti, cen­tri ricre­ativi e tur­is­ti­ci per man­ca­to uso delle mascher­ine, assen­za di infor­mazioni agli uten­ti, man­can­za del­la dis­tan­za inter­per­son­ale e svol­gi­men­to di attiv­ità non con­sen­tite. Tra queste si seg­nala l’intervento del NAS pres­so una dis­cote­ca in provin­cia di Cre­mona, nel­la quale si sta­vano svol­gen­do irre­go­lar­mente attiv­ità dan­zan­ti, per­al­tro sen­za rispettare la dis­tan­za inter­per­son­ale tra gli avven­tori. A con­clu­sione dell’ispezione, è sta­to sanzion­a­to il gestore e dis­pos­ta l’immediata sospen­sione dell’attività di ballo.