Marino si prepara alle elezioni: i lettori faranno le domande ai candidati!

Marino si prepara alle elezioni: i lettori faranno le domande ai candidati!

19/08/2021 0 Di Francesca Marrucci

Hits: 725

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3174 volte!

A tu per tu con i candidati a Sindaco.

Torna il consueto appuntamento di Punto a Capo Online in occasione delle elezioni amministrative 2021 e stavolta saranno i lettori a porre le domande ai candidati.

di Francesca Marrucci

Anche per ques­ta tor­na­ta elet­torale, Pun­to a Capo Online sarà pre­sente per orga­niz­zare quel­lo che forse è il momen­to più atte­so di una cam­pagna elet­torale che ormai si pro­trae da più di un anno e mez­zo: il con­fron­to tra i can­di­dati a Sin­da­co.

L’ap­pun­ta­men­to ormai con­sue­to per la nos­tra tes­ta­ta si ter­rà online, per evitare assem­bra­men­ti e garan­tire una visione la più ampia pos­si­bile, così come la parte­ci­pazione atti­va dei lettori.

I 6 can­di­dati attual­mente noti, il Sin­da­co uscente Car­lo Col­iz­za, Ste­fano Cec­chi, Gian­fran­co Venan­zoni, Fab­rizio De San­tis, Ste­fano Ender­le e Fabio Martel­la han­no tut­ti accetta­to l’in­vi­to e di questo li ringraziamo.

Il con­fron­to avver­rà subito dopo l’uf­fi­cial­iz­zazione delle can­di­da­ture che ci sarà il 4 set­tem­bre e ve ne dare­mo tem­pes­ti­va­mente notizia, ma nel frat­tem­po i let­tori potran­no inviare le loro domande per i can­di­dati com­ple­tan­do il mod­u­lo qui sotto.

Le domande non dovran­no vert­ere su temi per­son­al­is­ti­ci, dovran­no essere ind­i­riz­zate a tut­ti i can­di­dati e dovran­no riguardare temi pro­gram­mati­ci per il ter­ri­to­rio mari­nese. Non vogliamo che il con­fron­to si trasfor­mi in un brac­cio di fer­ro tra fazioni e, come sem­pre, sarà il Diret­tore Edi­to­ri­ale a scegliere le 10 domande da porre ai can­di­dati tra quelle arrivate. La scelta sarà a garanzia dei can­di­dati e del­l’im­parzial­ità del­la tes­ta­ta, come sem­pre stato.

Tut­tavia, anche durante la diret­ta che ver­rà trasmes­sa sui nos­tri social (Face­book e YouTube), i nos­tri let­tori e spet­ta­tori potran­no scri­vere le loro domande nei com­men­ti e quelle più sig­ni­fica­tive potran­no essere poste ai can­di­dati in diretta.

Il Rego­la­men­to di quest’an­no per porre domande è il seguente, per corte­sia, leggete­lo bene pri­ma di for­mu­la­re la vos­tra domanda.

REGOLAMENTO CONFRONTO CANDIDATI — PROPOSIZIONE DOMANDE

  1. Le domande dovran­no essere ind­i­riz­zate a tut­ti i can­di­dati, non ad uno in particolare.
  2. Le domande dovran­no riguardare pun­ti programmatici.
  3. Non saran­no prese in con­sid­er­azione domande riguardan­ti ques­tioni personali.
  4. Non saran­no prese in con­sid­er­azione domande o asserzioni con inten­to polemi­co, accusato­rio, infamante, delatorio.
  5. Tra le domande per­venute alla Redazione com­pi­lan­do il mod­u­lo appos­i­to, ne saran­no scelte insin­da­ca­bil­mente 10 dal Diret­tore Edi­to­ri­ale da porre in diret­ta ai Can­di­dati a Sin­da­co il giorno del confronto.
  6. Sarà pos­si­bile for­mu­la­re le domande in diret­ta attra­ver­so i com­men­ti sui social, alcune delle quali potreb­bero essere scelte, sem­pre dal Diret­tore Edi­to­ri­ale, per essere poste ai candidati.
  7. I com­men­ti che violano l’art. 4 di questo Rego­la­men­to saran­no can­cel­lati immediatamente.
  8. Le domande tramite mod­el­lo dovran­no per­venire alla Redazione entro e non oltre il 5 set­tem­bre 2021.
Met­ten­do da parte le polemiche e il cli­ma di guer­ra che in questi mesi ha infer­vo­ra­to i vari grup­pi di dis­cus­sione ali­men­tan­do inutil­mente vere e pro­prie battaglie vir­tu­ali che poco o niente han­no las­ci­a­to capire dei pro­gram­mi dei can­di­dati, l’in­ten­to del con­fron­to è pro­prio quel­lo del com­pren­dere in con­cre­to quali sono i diver­si pun­ti di vista sug­li argo­men­ti che più stan­no a cuore alla cit­tad­i­nan­za: dal gov­er­no del ter­ri­to­rio allo svilup­po, dal­la san­ità ai trasporti, dal­la cul­tura al sociale, dai rifiu­ti alla sicurez­za, e così via.
Lo slo­gan dovrà essere ‘chi vuol fare cosa’, sen­za perdere tem­po in inutili faziosità. Spe­ri­amo che i let­tori sap­pi­ano cogliere l’oc­ca­sione per porre domande in questo sen­so, anche per­ché domande che si dis­costano da questo inten­to non saran­no prese in con­sid­er­azione. I can­di­dati sono disponi­bili a par­lare dei pro­pri pro­gram­mi e idee, non a venire a far­si mas­sacrare dalle diverse ‘tifos­erie’. Buon sen­so e buona edu­cazione saran­no indis­pens­abili per parte­ci­pare atti­va­mente e capire davvero il pro­gram­ma che si va a votare.