Marino 2021, la De Felice apre a De Santis e FdI

Marino 2021, la De Felice apre a De Santis e FdI

30/07/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 155

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1865 volte!

“Sono pronta a riaprire un tavo­lo di con­fron­to par­i­tario con Fratel­li d’Italia e con chi vor­rà star­ci per decidere insieme, non inseguen­do ulte­ri­ori strap­pi e firme rin­negate, ma pun­tan­do su seri­età, con­cretez­za e coeren­za da met­tere al servizio del futuro politi­co e del­la piattafor­ma pro­gram­mat­i­ca da real­iz­zare per dare real­mente vita a una pro­pos­ta mod­er­a­ta di cen­trode­stra da con­di­videre real­mente. Un piano che vada ben oltre il gio­co dei nomi, dei ruoli e delle fig­urine ma torni a pro­porre con deci­sione la nos­tra visione e idea nuo­va e mod­ern­iz­za­trice di comu­nità e di cit­tà”. Gabriel­la De Felice, can­di­da­ta sin­da­ca del­la piattafor­ma civi­co-polit­i­ca d’area mod­er­a­ta Mari­no 2030 ci tiene a comu­ni­care la sua ver­sione dei fat­ti sulle trat­ta­tive anco­ra in cor­so per la can­di­datu­ra a sin­da­co del­la coal­izione di cen­trode­stra. “Ho atte­so in silen­zio le deci­sioni del tavo­lo di cen­trode­stra per il pro­fon­do rispet­to che ho dei par­ti­ti però ora cre­do sia giun­to il momen­to di fare una anal­isi di quan­to accadu­to” dichiara la can­di­da­ta. “Ave­vo man­i­fes­ta­to piena disponi­bil­ità ad un con­fron­to con le esisten­ti coal­izioni, seguen­do le pro­poste indi­cate dai ref­er­en­ti region­ali e provin­ciali dei par­ti­ti di cen­trode­stra con la sot­to­scrizione di un doc­u­men­to che poi però è sta­to pien­amente disatteso”.
“Di fronte a quan­to accadu­to, con grande coeren­za e rispet­to, Fratel­li d’Italia, veden­do dis­at­te­so il doc­u­men­to, ha lan­ci­a­to una pro­pria can­di­datu­ra nel­la figu­ra di Fab­rizio De San­tis, per­sona che ho conosci­u­to e con il quale ho avu­to occa­sione di avere un veloce confronto .
“Nel fare il migliore in boc­ca al lupo a Fab­rizio De San­tis aus­pi­co che da qui a breve pos­sano crear­si, con lui e con chi vor­rà star­ci, le con­dizioni per intavolare un incon­tro durante il quale con­frontar­ci sulle evoluzioni future da pot­er porre in essere, pos­si­bil­mente insieme, per dare vita a una rin­no­va­ta allean­za mod­er­a­ta di cen­trode­stra real­mente rispon­dente alle aspet­ta­tive di un ter­ri­to­rio che non può atten­dere oltre i mec­ca­n­is­mi, talo­ra irrispet­tosi, di una polit­i­ca che può con­cretiz­zarsi solo andan­do incon­tro alle reali neces­sità del­la comu­nità cit­tad­i­na” con­clude De Felice.