Castel Gandolfo. Rafforzare le politiche di tutela su tutto il territorio lacustre dei castelli romani

Castel Gandolfo. Rafforzare le politiche di tutela su tutto il territorio lacustre dei castelli romani

29/07/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 110

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 676 volte!

Golet­ta dei Laghi è Legam­bi­ente che si tuffa nei laghi. Al Lago Albano, per chi si adden­tra nel cono attra­ver­san­do il tun­nel dal­la via dei laghi, per­cepisce quel­lo sce­nario che istin­ti­va­mente ti viene da pro­teggere. A sin­is­tra, del­l’us­ci­ta dal tun­nel, lì c’è l’area arche­o­log­i­ca in cui Golet­ta dei Laghi ha incen­tra­to questo inter­ven­to di pulizia, di ped­a­gogia ambi­en­tale, di chia­ma­ta alle pro­prie respon­s­abil­ità per isti­tuzioni comu­nali e sovracomunali.

I respon­s­abili di Legam­bi­ente Vel­letri e Mari­no, col pres­i­dente regionale Scac­chi, insieme al sin­da­co di Cas­tel Gan­dol­fo Mil­via Monach­esi, fan­no il pun­to sul pos­to subito dopo la pulizia con la cam­pagna Golet­ta dei Laghi


Il viag­gio del­la Golet­ta dei Laghi di Legam­bi­ente con­tin­ua sul Lago Albano. Legam­bi­ente : “Anche la Cit­tà Met­ro­pol­i­tana di Roma dia risposte ai prob­le­mi di abban­dono rifiu­ti oltre i cor­doli stradali che sta rag­giun­gen­do purtrop­po con­dizioni inverosim­ili per un ter­ri­to­rio pro­tet­to”. Si è svol­ta oggi la tap­pa di Golet­ta dei Laghi sulle sponde del Lago Albano di Cas­tel Gan­dol­fo, real­iz­za­ta da Legam­bi­ente Lazio e dai cir­coli Legam­bi­ente Artemi­sio di Vel­letri e Legam­bi­ente Il Ric­cio di Mari­no in Via Spi­ag­gia del Lago. Durante la mat­ti­na­ta i volon­tari del­l’as­so­ci­azione han­no real­iz­za­to una grande pulizia del­l’area Arche­o­log­i­ca a bor­do Lago, por­tan­do via rifiu­ti di ogni genere. Alla gior­na­ta ha parte­ci­pa­to anche la Sin­da­ca di Cas­tel Gan­dol­fo, Mil­via Monach­esi, con la quale l’As­so­ci­azione ha fat­to un pun­to sulle neces­sità di sal­va­guardia, tutela e fruibil­ità sosteni­bile del Lago. “Il Lago Albano, il Lago di Nemi e tut­to il ter­ri­to­rio lacus­tre dei Castel­li Romani, sono una risor­sa impareg­gia­bile per la nos­tra Regione — dichiara Rober­to Scac­chi Pres­i­dente di Legam­bi­ente -. Per questo vogliamo che siano raf­forzate le politiche di tutela, così come il ruo­lo e le pos­si­bil­ità degli Enti par­co a ren­der­le con­crete, per il for­mi­da­bile ruo­lo nel­lo svilup­po di servizi eco­sis­temi­ci alle porte del­la Cap­i­tale e per quan­ti vivono, oper­a­no e insistono con le pro­prie attiv­ità su questi mag­nifi­ci posti.

I respon­s­abili di Legam­bi­ente Vel­letri e Mari­no, col pres­i­dente regionale Scac­chi, insieme al sin­da­co di Cas­tel Gan­dol­fo Mil­via Monach­esi, fan­no il pun­to sul pos­to subito dopo la pulizia con la cam­pagna Golet­ta dei Laghi


Ci riv­ol­giamo alle Ammin­is­trazioni per­ché anche loro lavorino in tal sen­so, ma anche alla Cit­tà Met­ro­pol­i­tana di Roma, per­ché chiedi­amo che, attra­ver­so la com­pe­ten­za di questo Ente in mer­i­to alla ges­tione delle arterie stradali cir­costan­ti, si pos­sa dare rispos­ta ai prob­le­mi di abban­dono rifiu­ti oltre i cor­doli stradali che sta rag­giun­gen­do purtrop­po con­dizioni inverosim­ili per un ter­ri­to­rio pro­tet­to”. “Oggi con la nos­tra Golet­ta dei Laghi, ci met­ti­amo in pri­mo luo­go a dis­po­sizione con il volon­tari­a­to atti­vo di cui è capace la nos­tra asso­ci­azione e, guan­ti, sac­chi e buona volon­tà, trasformi­amo in meglio una porzione del­la spon­da ripar­i­ale del Lago — dichiara­no insieme Alber­to Fan­tozzi, Pres­i­dente del cir­co­lo Artemi­sio di Vel­letri e Mirko Lau­ren­ti, Pres­i­dente del cir­co­lo Il Ric­cio di Mari­no -. Chiedi­amo però una mag­giore atten­zione a tut­ti gli Enti ter­ri­to­ri­ali ai quali com­pete, cias­cuno per pro­pria parte, un pez­zo di una sal­va­guardia e riqual­i­fi­cazione che per ora è trop­po debole: lo dimostra­no le situ­azioni dei boschi cir­costan­ti invasi da rifiu­ti di ogni genere, las­ciati da vis­i­ta­tori e oper­a­tori eco­nomi­ci al pas­sag­gio sul Lago e sulle strade che lo cir­con­dano. A questo bisogna aggiun­gere una mag­giore fruibil­ità delle sponde del Lago in ter­mi­ni di bal­neazione, poiché le spi­agge e le porzioni più pre­giate delle stes­so, sono oggi una dis­te­sa di ombrel­loni posizionati dai con­ces­sion­ari. Pochissime e mar­gin­al­iz­zate nel­la par­ti meno fruibili, più sporche e dove i rovi han­no chiara­mente pre­so il sopravven­to, sono invece le spi­agge liberi. Bisogna fare di meglio per la bellez­za del Lago affinché sia fruito nel­la maniera migliore e più eco­log­i­ca pos­si­bile”. La tap­pa laziale di Golet­ta dei Laghi si con­clud­erà domani, ven­erdì 30 luglio, pres­so la sede di Legam­bi­ente Lazio in Via Firen­ze 43, con la pre­sen­tazione alla stam­pa dei risul­tati delle anal­isi micro­bi­o­logiche delle acque nei laghi: Can­ter­no, Fogliano, Fon­di, Sabau­dia, del Salto, Tura­no, Albano, Brac­ciano, Bolse­na e Vico.

Emer­gen­ze arche­o­logiche rip­ulite e rese alla fruibilità