Ariccia. Domenica 13 è nata la Sezione ANPI di Ariccia

Ariccia. Domenica 13 è nata la Sezione ANPI di Ariccia

14/06/2021 1 Di Maurizio Aversa

Hits: 144

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 714 volte!

Parte del grup­po diri­gente che guiderà la Sezione ANPI di Aric­cia, al cen­tro col faz­zo­let­to dei par­ti­giani, il seg­re­tario Clau­dio Petrillo

Nel preparare il per­cor­so che avrebbe dato vita al Comi­ta­to Pro­mo­tore per una Sezione ANPI ad Aric­cia, e, via via l’assem­blea pub­bli­ca fino allo svol­gi­men­to in cui ciò è sta­to sanci­to, l’ex con­sigliere comu­nale e seg­re­tario del­la Fed­er­azione PCI Castel­li romani Andrea Sonaglioni, ave­va avu­to modo di dichiarare: “Come aus­pi­ca­to dal più grande pen­satore del Nove­cen­to nonché fonda­tore e ispi­ra­tore più alto del nos­tro Par­ti­to, Anto­nio Gram­sci, i comu­nisti han­no vis­su­to, vivono e con­tin­uer­an­no a vivere da par­ti­giani. Il cele­bre bra­no del diri­gente comu­nista sar­do “Odio gli indif­fer­en­ti” è lì a ricor­darce­lo, spe­cial­mente nei seguen­ti pas­sag­gi: “Odio gli indif­fer­en­ti. Cre­do che vivere voglia dire essere par­ti­giani. Chi vive vera­mente non può non essere cit­tadi­no e partigiano.”.

Andrea Sonaglioni, tra i pro­mo­tori del­l’assem­blea che ha pro­mosso la cos­ti­tuzione del­la Sezione ANPI nel suo intervento


Ora, nel­la gior­na­ta di domeni­ca 13, quel Comi­ta­to, quelle decine e decine di iscrit­ti alla nascente ANPI di Aric­cia han­no com­pi­u­to la scelta net­ta: dan­do vita pro­prio alla Sezione ANPI di Aric­cia. Clau­dio Petril­lo, dot­toran­do in sto­ria, è sta­to elet­to seg­re­tario. e ci ha fat­to per­venire il reso­con­to del­l’assem­blea. “Domeni­ca 13 giug­no, a segui­to dell’assemblea cos­ti­tu­ti­va tenu­tasi pres­so la Bib­liote­ca «Stal­loni Chi­gi» è sta­ta isti­tui­ta uffi­cial­mente la Sezione ANPI di Aric­cia. L’evento rap­p­re­sen­ta una pag­i­na di sto­ria fon­da­men­tale e nevral­gi­ca per la cit­tà dei Castel­li Romani, che da oggi avrà pre­sente sul ter­ri­to­rio un pre­sidio antifascista e demo­c­ra­ti­co. La pre­sen­za dell’Associazione Nazionale Par­ti­giani d’Italia, una delle Asso­ci­azioni com­bat­ten­tis­tiche più gran­di del Paese, con­tribuirà alla divul­gazione dei prin­cipi con­tenu­ti nel­la nos­tra legge fon­da­men­tale, la Cos­ti­tuzione ital­iana, entra­ta in vig­ore il 1° gen­naio 1948. Ente Morale del­la Repub­bli­ca, l’ANPI rap­p­re­sen­ta un filo rosso ine­ludi­bile per la sto­ria nazionale; col­lante tra pas­sato, pre­sente e futuro affinché i val­ori dell’antifascismo, del­la lot­ta par­ti­giana, del­la Resisten­za, del­la lib­ertà, di uguaglian­za, di toller­an­za, di sol­i­da­ri­età, di inclu­sione e di gius­tizia sociale siano tra­man­dati attra­ver­so il costante lavoro di memo­ria e tes­ti­mo­ni­an­za. La sezione aric­ci­na ha elet­to alla car­i­ca di Pres­i­dente il gio­vane Clau­dio Petril­lo; la Vicepres­i­den­za è sta­ta affi­da­ta a Sara Di Mar­can­to­nio e a Sonia Frances­chi­ni; la Seg­rete­ria sarà tenu­ta da Romi­na Coc­ci­o­let­ti; infine, Bar­bara Ripan­ti svol­gerà il ruo­lo di Respon­s­abile ammin­is­tra­ti­vo. Un pic­co­lo grande pas­so, doveroso nei con­fron­ti di quan­ti pre­sero parte al movi­men­to di Resisten­za aric­ci­no, il quale annovera più di cen­to par­ti­giani com­bat­ten­ti riconosciu­ti le cui sto­rie devono essere con­di­vise, nel pre­sente e nel futuro, con la popo­lazione e soprat­tut­to con le nuove generazioni.

Un momen­to dei lavori cos­ti­tu­tivi del­la Sezione ANPI di Ariccia


Tra le pro­poste emerse in ques­ta pri­ma assem­blea, ci sono anche la stesura di un vol­ume sul­la sto­ria del­la Resisten­za di Aric­cia e l’inizio di un per­cor­so di col­lab­o­razione con gli isti­tu­ti sco­las­ti­ci di ogni ordine e gra­do in base al pro­to­col­lo siglato negli ulti­mi anni tra l’ANPI ed il MIUR. Siamo feli­ci ed orgogliosi di comu­ni­care alla comu­nità cit­tad­i­na la nasci­ta dell’ANPI di Aric­cia e ci auguri­amo che questo cam­mi­no ven­ga arric­chi­to dal­la parte­ci­pazione sem­pre più numerosa e dal­la con­di­vi­sione di quante e quan­ti vogliono vedere real­iz­za­to il det­ta­to cos­ti­tuzionale nato dal­la Guer­ra di Liberazione.”