Lazio, Assotutela: “la Regione spieghi il no al Forlanini”

Lazio, Assotutela: “la Regione spieghi il no al Forlanini”

26/04/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 105

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 487 volte!

“Cen­tri con­gres­su­ali e cen­tri com­mer­ciali, sedi con­cor­su­ali e sedi sin­da­cali, nonché aero­por­tu­ali, perfi­no set cin­e­matografi­ci ma non gli ex ospedali. Nel­la apprez­z­abile foga vac­ci­nale mes­sa a pun­to dal­la Regione Lazio, sono inclusi numerosi siti che a volte, oltre a non pre­sentare carat­ter­is­tiche idonee, sono presta­ti ‘a ter­mine’, si veda l’esempio del­la Nuvola dell’Eur che fra poco potrebbe essere dismes­sa per far pos­to ai lavori del G20 pre­visti per otto­bre”. Lo dichiara Asso­Tutela che con­tin­ua: “sti­amo assis­ten­do al grande spie­ga­men­to di forze per il cen­tro vac­ci­nale mod­el­lo Den­ver, ovvero un dri­ve-in dove effet­tuare la som­min­is­trazione in auto, real­iz­za­to in un Out­let a Val­montone. Per­ché non pro­porre uguale situ­azione all’ospedale For­lani­ni? L’assessorato alla San­ità regionale – sot­to­lin­ea Asso­tutela — oltre a trin­cer­ar­si dietro un cat­e­gori­co rifi­u­to, ce ne dovrebbe chiarire le moti­vazioni. Non cre­di­amo che ciò sia dovu­to all’inutile stu­dio di fat­tibil­ità affida­to a LazioCrea, per cui si imp­ie­gano, a nos­tro avvi­so, in modo inap­pro­pri­a­to 75mila euro, per esam­inare la con­gruità o meno di una ipotet­i­ca agen­zia euro­pea. Lo stu­dio è presto fat­to: se è sul mod­el­lo di quel­la esistente negli Usa, con 150 dipen­den­ti, non c’è bisog­no di alcun affi­da­men­to, tan­tomeno di sper­per­are risorse dei cit­ta­di­ni da imp­ie­gare con mag­gior cri­te­rio”, chiosa l’associazione.