Roma/Lazio . Col PCI per il 25 Aprile, unitariamente e protagonisti della Ricostruzione del Partito

Roma/Lazio . Col PCI per il 25 Aprile, unitariamente e protagonisti della Ricostruzione del Partito

25/04/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 208

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1518 volte!

Palest­ri­na, Par­ti­giani ital­iani e sovi­eti­ci cadu­ti per la Lib­er­azione dal nazifascismo


“Il PCI pre­sente ques­ta mat­ti­na a por­ta S. Pao­lo, e in altre inizia­tive locali, con gli altri antifascisti romani per portare avan­ti i val­ori del 25 Aprile: per ricor­dare ed ono­rare quan­ti donarono la vita per lib­er­are l’I­talia dal­l’op­pres­sione naz­i­fascista; con­tro ogni nuo­va for­ma di fas­cis­mo, di nazion­al­is­mo, di mil­i­taris­mo; per la dife­sa e l’at­tuazione del­la Cos­ti­tuzione Repub­bli­cana, con­tro ogni for­ma di com­pres­sione degli spazi di agi­bil­ità demo­c­ra­t­i­ca; per la sol­i­da­ri­età inter­nazion­al­ista nei con­fron­ti dei popoli che si bat­tono con­tro ogni for­ma di naz­i­fas­cis­mo in ogni luo­go del mon­do. W il 25 APRILE, W i PARTIGIANI!”, ques­ta la dichiarazione di Rober­to Val­loc­chia, del­la seg­rete­ria di Fed­er­azione PCI Roma, dopo la parte­ci­pazione, alla man­i­fes­tazione (con­tin­gen­ta­ta) di Por­ta San Paolo.

Por­ta San Pao­lo, Roma, 25 Aprile


Il seg­re­tario regionale del PCI, Oreste Del­la Pos­ta, a dimostrazione del­la dif­fu­sione dell’impegno dei comu­nisti in ogni parte del ter­ri­to­rio cio­cia­ro, ha indi­ca­to il com­pag­no Mario Rufo, noto per non essere un diciot­tenne, ma che non ha nul­la da invidiare a nes­suno per tena­cia, quale esem­pio di tes­ti­mo­ni­an­za del­la Fes­ta del­la Liberazione.

San Dona­to Val Comi­no, il comu­nista Mario Rufo il 25 Aprile


Intan­to decine e decine sono state le inizia­tive uni­tarie dell’ANPI nel­la regione Lazio. Ugual­mente i luoghi in cui i comu­nisti han­no depos­to fiori nei tan­ti luoghi sim­bo­lo del­la Resisten­za o dei pro­tag­o­nisti del­la lot­ta di Lib­er­azione. A Palest­ri­na, la del­egazione comu­nista che ha ono­ra­to i Par­ti­giani ital­iani e sovi­eti­ci al Sacrario Mil­itare del Cimitero ha potu­to ascoltare l’intervento di Ugo Moro, del­la seg­rete­ria nazionale del PCI. 

Cas­tel Gan­dol­fo, sul­la tom­ba di Aure­lio Del Gob­bo i comu­nisti di Marino


Cas­tel Gan­dol­fo, sul­la tom­ba di Aure­lio Del Gob­bo i comu­nisti di Marino


Ai Castel­li romani, a Mari­no, sono sta­ti ricor­dati i cadu­ti per la Resisten­za. In par­ti­co­lare il par­ti­giano Aure­lio Del Gob­bo, già sin­da­co del­la cit­tà del vino, è sta­to omag­gia­to pres­so il cimitero di Cas­tel Gan­dol­fo da una del­egazione comunista.

Sezione PCI Mari­no, dal basso


La sezione,aperta nel pomerig­gio, con gli striscioni e le bandiere ital­iana, comu­nista e cubana han­no accolto nuovi iscrit­ti al PCI, e com­pag­ni e cit­ta­di­ni. Per l’occasione sono state dis­tribuite copie del­la Cos­ti­tuzione repub­bli­cana e lib­ri del­la sto­ria del­la Resisten­za. Come ha avu­to modo di ricor­dare il man­i­festo nazionale del PCI: “Oggi come allo­ra serve una forte mobil­i­tazione popo­lare e dei lavo­ra­tori per dare rispos­ta alle aspet­ta­tive di cam­bi­a­men­to e di gius­tizia del Paese, al dram­ma san­i­tario e al dolore sociale, ad una crisi che divo­ra dirit­ti e sper­anze. Oggi come allo­ra la Resisten­za vive nelle lotte e nel pro­tag­o­nis­mo di chi non si arrende. Oggi come allo­ra i comu­nisti in pri­ma fila a dife­sa del­la lib­ertà e del­la democrazia”.