Marino. Successo per la manifestazione inaugurale. Estesi e di spessore i contributi e graditi saluti. Nuovi iscritti al PCI

Marino. Successo per la manifestazione inaugurale. Estesi e di spessore i contributi e graditi saluti. Nuovi iscritti al PCI

15/04/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 287

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1237 volte!


Si è svol­ta con suc­ces­so. Col rispet­to delle norme anti­covid. Con la parte­ci­pazione, di per­sona e via web. Con la pec­ca del­la pri­ma vol­ta, in cui un paio di con­nes­sioni non sono state agevoli: purtrop­po anche quel­la atte­sa e che il pro­tag­o­nista ci tene­va tan­to a con­cretiz­zare, il seg­re­tario nazionale del PCI, Mau­ro Albore­si. Infat­ti, pur non in diret­ta ha volu­to comunque far giun­gere un forte plau­so e sot­to­lin­eare la neces­sità, cer­to per Mari­no, ma per il Paese intero, di avere i comu­nisti orga­niz­za­ti a man­tenere for­ti e alti gli ide­ali del social­is­mo e del comu­nis­mo. Con la capac­ità di lot­ta e di pro­pos­ta. Con la con­sapev­olez­za e l’agire politi­co che sia con­dot­to con ret­ti­tu­dine e com­pat­tez­za, sen­za rin­un­cia­re, anzi perseguen­do una sana, chiara polit­i­ca uni­taria delle forze che si bat­tono per la gius­tizia sociale e per la trasfor­mazione del­lo sta­to di cose e del­la soci­età. A questo ruo­lo dei comu­nisti, anche con emozione,hanno pen­sato bene di illus­trare gli ora­tori. Il seg­re­tario del­la sezione, Ste­fano Ender­le che ha trat­teggia­to la recente sto­ria, i con­tenu­ti, le scelte e la solid­ità del col­let­ti­vo comu­nista pre­sente a Mari­no. Lo scrit­tore Mar­co Onofrio che ha volu­to offrire per la gior­na­ta, pro­fonde e vibran­ti rif­les­sioni sug­li ide­ali, sulle sfac­cettature e sull’attualità – niente affat­to nos­tal­gi­ca, ma conc­re­ta­mente mod­er­na – dell’idea comu­nista e social­ista e del­la orga­niz­zazione polit­i­ca car­i­ca di pas­sione, il Par­ti­to, che queste ide­al­ità può pro­porre e ripro­porre oggi. A seguire le ric­che speci­fi­cazioni di altri comu­nisti: dell’assessore Sonia Peco­ril­li, di Ser­mon­e­ta, che ha sven­taglia­to la neces­sità, di tuf­far­si – per chi ha fat­to ques­ta scelta di cam­po e mette in moto la pas­sione e non la sem­plice ges­tione delle cose – alla propo­sizione per lotte e con­sapev­olezze e per cedere par­ti reali di potere alle gio­vani generazioni.

Del seg­re­tario di Fed­er­azione Andrea Sonaglioni, da sem­pre fre­quen­ta­tore delle attiv­ità politiche e cul­tur­ali mari­ne­si, che ha evi­den­zi­a­to il cuore del­la capac­ità orga­niz­za­ti­va che risiede nel coni­u­gare ter­ri­to­rio e ide­al­ità. Del seg­re­tario regionale Oreste Del­la Pos­ta che ha ringrazi­a­to il tosto nucleo dei comu­nisti mari­ne­si per essere parte impor­tante del­la costruzione del Par­ti­to nei Castel­li romani così come nel­la regione, parte fon­da­men­tale nel­la Ri-Costruzione del PCI in Italia. Molti degli ospi­ti che sono sta­ti ringraziati per la pre­sen­za, han­no dovu­to fare i con­ti con una sem­plice realtà: questo Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, le pro­prie pro­poste, le lotte che pro­muove o a cui aderisce, è una forza, pic­co­la e in con­stante cresci­ta e raf­forza­men­to. Ma soprat­tut­to, è una forza dal­la quale non si può pre­scindere nel costru­ire le pro­prie autonome scelte e pro­poste. Qual­cuno ha volu­to ostentare una stu­p­i­da assen­za. Ma la gran parte delle forze demo­c­ra­tiche antifas­ciste han­no accolto l’invito e pro­nun­ci­a­to salu­ti non for­mali di ringrazi­a­men­to per la mes­sa in cam­po di pas­sione polit­i­ca, di pro­pos­ta e con­fron­to coi cit­ta­di­ni, che il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano con questo sfor­zo e saggez­za di scelta lungimi­rante sta com­pi­en­do in questo 2021, nel­la fase pan­dem­i­ca che conos­ci­amo. Per questo mano a mano, assis­ten­do anche ad un cer­to “dial­o­go sostenu­to e con­fron­to con­trap­pos­to” tra i vari inter­venu­ti gli orga­niz­za­tori han­no ringrazi­a­to Ser­gio Ambro­giani del PD; Fabio Mes­ti­ci, che ha volu­to coi com­pag­ni del­la sezione social­ista met­tere a gar­rire al ven­to tra le bandiere del PCI anche quel­la del PSI; Enri­co Iozzi di UCS; Mirko Lau­ren­ti stori­co espo­nente ambi­en­tal­ista del­la sin­is­tra mari­nese; Gior­gia Gal­li, del cir­co­lo Gino Donè di Mari­no dell’Associazione Nazionale di Ami­cizia Italia Cuba; Mau­ro Avel­lo, por­tav­oce del­la nascente coal­izione Essere Mari­no; Ser­gio San­ti­nel­li, pres­i­dente di Acab/BiblioPop aps. Ringrazi­a­men­ti riv­olti anche a Gian­Mar­co Ono­rati di R.I. (col col­lega­men­to web salta­to per motivi mera­mente orga­niz­za­tivi dovu­ti alla pri­ma vol­ta di far coin­cidere i tem­pi stream con lo svol­gi­men­to in pre­sen­za dell’iniziativa); così pure ad Arman­do Lau­ri, che ha fat­to giun­gere l’affettuoso augu­rio di buon lavoro per gli ide­ali social­isti da DPL. Si pro­fi­la l’impegno, vista la con­sis­ten­za dei con­tenu­ti esposti, di dare vita ad un opuscolo/libretto che rac­chi­u­da la gior­na­ta. Intan­to, nel­la for­ma rilan­ci­a­ta del­la diret­ta web (ora in repli­ca) può essere segui­ta sul link https://www.facebook.com/PCI.Marino ; oppure vision­a­ta, a breve, non appe­na mon­ta­ta, anche su LabaroTV che ha cura­to le riprese video del­la man­i­fes­tazione comu­nista marinese.

Cer­ta­mente non per impor­tan­za, ma pro­prio a sot­to­lin­eare la pas­sione e la dedi­zione van­no evi­den­zi­ate le don­azioni, che ben si sono unite alle nuove ade­sioni e alla pic­co­la ma utilis­si­ma sot­to­scrizione rac­col­ta, la tar­ga del­la sezione, magis­tral­mente real­iz­za­ta arti­gianal­mente da Ser­gio San­ti­nel­li ed ora aff­is­sa a lato del­la por­ta di ingres­so; così come lo stu­pen­do quadro dip­in­to dall’artista con­tem­po­ra­neo Anto­nio Lucig­nano, dal tito­lo evoca­ti­vo “Fis­chia il ven­to”, un acril­i­co delle dimen­sioni 70/100 in cui campeg­gia una falce e martel­lo che “resiste e viene sospin­ta” da bas­so a sin­is­tra in una tem­pes­ta tumul­tu­osa che soll­e­va foglie e mostra ancor di più il val­ore e la saldez­za degli ide­ali che rap­p­re­sen­tano pro­prio i sim­boli del lavoro. La bel­la man­i­fes­tazione, sep­pure con pic­coli intop­pi e con un cielo a momen­ti piovoso nel rigi­do cli­ma del momen­to, è ter­mi­na­ta con una bic­chier­a­ta – nel­la cit­tà del vino si fa così – giun­ta dal “Kan­ti­none” che è pro­prio di fian­co alla sezione comu­nista. Qual­cuno ha quin­di con­clu­so con “Viva il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano”, sulle note di Fis­chia il ven­to e coman­dante Che Guevara.