“Sanità e LazioCrea: soldi pubblici per l’ente fantasma”

“Sanità e LazioCrea: soldi pubblici per l’ente fantasma”

01/04/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 121

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 534 volte!

“Con la deter­mi­na G03105 dl 22 mar­zo, a fir­ma del diret­tore del bilan­cio Mar­co Marafi­ni, la Regione Lazio asseg­na alla parte­ci­pa­ta, Soci­età LazioCrea Spa la redazione del­lo stu­dio di fat­tibil­ità per la can­di­datu­ra dell’ospedale For­lani­ni per la creazione in Italia del­la sede dell’Agenzia euro­pea del­la ricer­ca bio­med­ica”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to, che si chiede: vor­rem­mo capire bene le carat­ter­is­tiche, i costi, risul­tati atte­si e la real­iz­z­abil­ità del prog­et­to architet­ton­i­co, con­sid­er­a­to che, a tutt’oggi, l’Agenzia euro­pea per la ricer­ca bio­med­ica è un ente par­tori­to soltan­to dal­la fan­ta­sia dei buro­crati di Brux­elles. In poche parole: non esiste”. Il pres­i­dente si inter­ro­ga sul­la com­pe­ten­za di LazioCrea a svol­gere tale com­pi­to: “ci chiedi­amo come mai lo stu­dio sia sta­to affida­to a una soci­età la cui ‘mis­sion’ è il sup­por­to alla regione uni­ca­mente nelle attiv­ità tec­ni­co-ammin­is­tra­tive e di svilup­po dei sis­te­mi infor­mati­ci. Non figu­ra, in organ­i­co alla Spa, alcun ingeg­nere, architet­to, geome­tra, restau­ra­tore o tec­ni­co esper­to in ristrut­turazione di edi­fi­ci, con nozioni di urban­is­ti­ca e di ricon­ver­sione del pat­ri­mo­nio immo­bil­iare – insiste Mar­i­ta­to – stupisce inoltre con­statare che la pag­i­na del sito del­la Spa, cor­rispon­dente agli atti di pro­gram­mazione delle opere pub­bliche, risul­ti aggior­na­ta al 19 mar­zo 2018!. Con­sid­er­a­to che per tale stu­dio sono sta­ti stanziati 75mila euro di sol­di pub­bli­ci, vor­rem­mo avere una gius­ti­fi­cazione per tale esbor­so, che gra­va sul capi­to­lo di spe­sa impeg­no 88029/2020 denom­i­na­to “Inves­ti­men­ti san­i­tari – Tutela del­la Salute. Con la stes­sa cifra, potreb­bero essere vac­ci­nate migli­a­ia di per­sone in pochi giorni”, chiosa il presidente.