In sostegno del mio nuovo amico e compagno Danilo Sordi

In sostegno del mio nuovo amico e compagno Danilo Sordi

24/03/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 191

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 951 volte!

Dani­lo Sordi


La Comu­nità Mon­tana dei Castel­li romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni è un Ente sovra comu­nale. Ter­ri­to­rial­mente coin­cide con tredi­ci comu­ni, appun­to, dei Castel­li romani e dei Mon­ti Pren­es­ti­ni. Svolge una attiv­ità che vede il con­tin­uo con­fron­to con l’economia di area, con il set­tore agrosil­vopas­torale, con la vocazione tur­is­ti­ca pre­sente ma sem­pre migliora­bile, soprat­tut­to in modo este­so. I pic­coli borghi sono gioiel­li. Con­ta molto la pas­sione e la conoscen­za speci­fi­ca del ter­ri­to­rio. Chi ha diret­to situ­azioni analoghe, come pos­sono essere ex sin­daci, o già respon­s­abili di aree pro­tette region­ali come i Parchi, ha nat­u­ral­mente più facil­ità di affrontare la quo­tid­i­an­ità e, perfi­no, di mis­urar­si con inven­ti­va ver­so appro­di come i Cam­mi­ni, come il tur­is­mo dif­fu­so, come la cul­tura a servizio dei tan­ti cen­tri e dei vis­i­ta­tori che ne vogliano godere. Boschi este­si, roc­che palazzi antichi e castel­li: attivi o sgar­ru­pati. Tutte cose che Dani­lo Sor­di, un uomo e man­ag­er sem­plice, non uno dei “ghe pen­si mi”, ha sem­pre svolto con dedi­zione, suc­ces­so e riconosci­men­ti (bipar­ti­san come si dice). Tutte cose che Dani­lo Sor­di ha sem­pre volu­to conoscere diret­ta­mente: non con le carte, ma andan­do ai cam­mi­ni, parte­ci­pan­do alle spie­gazioni di guide etc.etc. Ma, questo bra­vo ammin­is­tra­tore e ambi­en­tal­ista con­vin­to (e sen­za essere un tale­bano dell’ambiente), non ave­va fat­to i con­ti – nonos­tante una sua anti­ca conoscen­za del­la mate­ria – con la frase non più milanese, ma romana “a Fra che te serve?”. Eh si, per­ché Dani­lo Sor­di, non è sta­to boc­cia­to (uni­co di tutte le nomine ricon­fer­mate in Regione Lazio) per inef­fi­cien­za, per inca­pac­ità, per errore, o per aver ruba­to la cas­sa. No, non aven­do inter­cetta­to un qualche “a Fra che te serve?” – doman­da che può essere svol­ta in entra­ta o in usci­ta – ha paga­to. Che cosa ha paga­to? Sem­plice­mente che, aven­do una pro­pria tes­ta, con pro­pri pen­sieri, ed anche pen­sieri politi­ci, questi stes­si pen­sieri han­no scel­to di svol­gere una ade­sione ad un deter­mi­na­to par­ti­to (Europa Verde), las­cian­do una sua prece­dente ade­sione (di lun­go cor­so e non oppor­tunis­ti­ca dunque)al PD. Ora, potrem­mo gri­dare allo scan­da­lo non tan­to e non solo per l’azione con­tro Sor­di per moti­vo politi­co, ma vogliamo sot­to­lin­eare di più, con sem­pli­ci que­si­ti che mostra­no quan­ta pochez­za e inaf­fid­abil­ità polit­i­ca si reg­is­tra­no negli espo­nen­ti del PD che dirigono la Regione (Zin­garet­ti) e il PD laziale (Astorre). Chiedi­amo a tut­ti e due o chi voglia di loro di rispon­dere a ques­ta doman­da: “inten­do con­tin­uare il lavoro svolto egre­gia­mente dai miei pre­de­ces­sori in pieno accor­do con i sin­daci. La Comu­nità Mon­tana è una risor­sa impor­tante: non dob­bi­amo dis­perdere le per­sone che vi lavo­ra­no e non dob­bi­amo can­cel­lare quan­to di buono è sta­to fat­to per il ter­ri­to­rio castel­lano e pre­des­ti­no”, ques­ta dichiarazione, sec­on­do voi due, è quel­la di chi suben­tra ad una situ­azione di fal­li­men­to? Oppure è quel­la di chi si riconosce ed apprez­za mas­si­ma­mente il lavoro svolto fin qui? E, quin­di, se chi sta­va diri­gen­do non ave­va pos­to neces­sità di las­cia­re per­ché man­dar­lo via? Per chiarez­za, è la dichiarazione del­la neoin­car­i­ca­ta al pos­to di Dani­lo Sordi!Eccolo lo scan­da­lo: cac­cia­re non un intru­so che dall’opposizione per giochi strani si intru­fo­la in una mag­gio­ran­za. Ma si man­da via una dig­ni­tosa per­sona che ben dirige, per­ché da una cor­rente di mag­gio­ran­za (che appog­gia Zin­garet­ti) il PD, è approda­to ad una altra cor­rente, Europa Verde, che ugual­mente appog­gia Zin­garet­ti! E’ sem­plice­mente folle, se non ritor­sione che non ha nul­la a che vedere con le isti­tuzioni, con il bene dei cit­ta­di­ni, con la polit­i­ca. E’ killer aggio gra­tu­ito. Sono gra­to a Dani­lo Sor­di che non si pie­ga a questo e ricor­rerà con­tro tale decisione.