Festa della Donna, un menù “tutto in giallo” e gluten free. Parola alla New Food

Festa della Donna, un menù “tutto in giallo” e gluten free. Parola alla New Food

04/03/2021 0 Di Marco Montini

Hits: 231

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1216 volte!

L’8 mar­zo, in un tri­on­fo di pro­fu­mate mimose gialle, si cel­e­bra la Fes­ta del­la Don­na. Una data impor­tante, isti­tui­ta per ricor­dare la lot­ta di migli­a­ia di donne per ottenere uguaglian­za e dirit­ti, al pari degli uomi­ni. Cer­to, ogni giorno dovrebbe essere all’insegna del rispet­to ver­so tutte, ma per­ché rin­un­cia­re ad omag­gia­re in un modo spe­ciale e diver­so dal soli­to le donne impor­tan­ti del­la nos­tra vita? Madri, mogli, figlie, amiche, col­leghe, fidan­zate e aman­ti. Tutte saran­no feli­ci di rice­vere un pic­co­lo gesto che dica loro “gra­zie di far parte del­la mia vita.

Ad aiu­tarvi ad orga­niz­zare un per­fet­to menù per la Fes­ta del­la Don­na, ci pen­sa la New Food Gluten Free, azien­da leader del gluten free romano con quat­tro pun­ti ven­di­ta, a Piaz­za Scot­ti, Casal­paloc­co, Ponte Sis­to e Ponte Mil­vio (www.newfoodglutenfree.it).

Quan­do si trat­ta di ricor­ren­ze spe­ciali, tem­atiz­zare il menù è sem­pre una buona scelta, dà l’idea di una mag­gior cura e ricer­ca dei det­tagli, e strap­pa sem­pre un sor­riso di apprez­za­men­to del nos­tro ospite o nel­la nos­tra ospite. Ovvi­a­mente, il tut­to deve essere rig­orosa­mente gluten free e sen­za lat­to­sio — spie­gano dal­la New Food Gluten Free, ormai da anni sim­bo­lo di ricer­ca e svilup­po di prodot­ti inno­v­a­tivi –. Per l’8 mar­zo, dunque, il nos­tro sug­ger­i­men­to è di scegliere il gial­lo come tema por­tante. Un col­ore che non solo ricor­da i fiori del­la mimosa, ma mette subito alle­gria, come una bel­la gior­na­ta di sole”.

Che si deci­da di met­ter­si ai for­nel­li e preparare le por­tate con le pro­prie mani, o acquistare i piat­ti già pron­ti, ecco i sug­ger­i­men­ti per il menù in gial­lo del­la Fes­ta del­la Don­na. Pri­mi, sec­on­di, antipasti, dol­ci, tante le pro­poste e le pos­si­bil­ità in cam­po, anzi a tavola.

“Per iniziare, mag­a­ri abbinan­do un buon vino bian­co o uno spuman­ti­no leg­gero, si potrebbe pen­sare a delle tar­tine di pane arti­gianale, mor­bido e gus­toso, a base di creme e crem­ine gluten free, o a stuzzi­chi­ni fin­ger food. E anco­ra si può atti­vare il gus­to del pala­to con una buona sfoglia sala­ta accom­pa­g­na­ta da wurs­tel o ver­dure”, pro­pon­gono anco­ra dal­la New Food. Che poi, sot­to­lin­ea: “Per quan­to riguar­da pri­mi e sec­on­di, invece, ci viene in mente un sem­pre­verde, anzi “sem­pre­gial­lo” risot­to allo zaf­fer­a­no, una immor­tale car­bonara con una pas­ta di nos­tra pro­duzione, derivante dalle uova fres­che e dalle nos­tre farine naturali”. 

E anco­ra: “Ravi­o­li ricot­ta e spinaci, una gus­tosa parmi­giana di melan­zane, la nos­tra piz­za romana alle patate, croc­cante e gen­uina. Il tut­to chiara­mente sen­za glu­tine e sen­za lat­to­sio”. A chi­ud­ere, per strap­pare un sor­riso alla don­na del­la vos­tra vita, ci penserà la mimosa: “Per noi è un dolce intra­montabile - chiosano dal­la New Food -, reso uni­co dal­la mor­bidez­za del nos­tro pan di spagna. Capace di sod­dis­fare le esi­gen­ze di tut­ti, è asso­lu­ta­mente con­sigli­a­bile nelle vari­anti alle fragole e al cioc­co­la­to. Insom­ma, buona fes­ta del­la don­na e buon pec­ca­to di gus­to gluten free”.