Dall’incontro con Mogol al Giffoni sino ad eventi e festival: Federica Pento

Dall’incontro con Mogol al Giffoni sino ad eventi e festival: Federica Pento

03/03/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 893 volte!

Oggi abbi­amo incon­tra­to la gio­vanis­si­ma can­tante di Pescara Fed­er­i­ca Pen­to e abbi­amo fat­to una chi­ac­chier­a­ta sul suo per­cor­so professionale.

Nel 2016 avviene un incon­tro fon­da­men­tale per la tua cresci­ta artis­ti­ca con l’au­tore Mogol. Ce ne par­li? Con lui hai segui­to anche una Mas­ter­class? In che cit­tà si svolgeva?

Nel 2016 ho avu­to l’onore di incon­trare il gran­dis­si­mo autore Mogol, con il quale ho segui­to una Mas­ter­class: “Music Camp 2016” pres­so la Tenu­ta Dei Ciclami­ni in Umbria.

Sono sta­ti tre giorni immer­si nel­la musi­ca, dove ho avu­to anche l’occasione di con­frontar­mi con moltissi­mi altri artisti di ogni genere e età. Ques­ta è una delle espe­rien­ze che non dimen­ticherò mai.

Ci rac­con­ti del sin­go­lo dove par­li del­la fine e del­l’inizio di un “viag­gio dell’anima”? Qual’è il bra­no fra i tuoi a cui sei più legata?

L’idea è sta­ta quel­la di creare un Con­cept Album, in cui tutte le can­zoni con­tribuis­cono a dare un sig­ni­fi­ca­to nel loro insieme.

Una vera e pro­pria sto­ria dove ogni bra­no rac­con­ta un episodio.

L’album è com­pos­to da sette brani e quel­lo alla quale sono più lega­ta è: “Sei come”, per­ché par­la del­la mia Ter­ra, l’Abruzzo. È un gri­do di sper­an­za, l’inno del­la ricostruzione post sis­ma del 2009.

A Luglio 2018 apri l’Edizione del “Gif­foni Fes­ti­val 2018” che si è tenu­to a Gif­foni Valle Piana (SA). Eri emozion­a­ta per ques­ta parte­ci­pazione in qual­ità di Mad­ri­na del pres­ti­gioso evento?

Ero emozion­atis­si­ma in quan­to è un fes­ti­val che ho sem­pre sen­ti­to e vis­to in tv. Parte­ci­pare per me è sta­to bellissimo.

Da sem­pre impeg­na­ta nel sociale, è vero che – esi­ben­doti in una serie di even­ti live — hai fat­to parte del prog­et­to Onlus “Uni­ti per Ama­trice”? Qual’era l’obiettivo?

Da abruzzese non pote­vo non parte­ci­pare ad un even­to così impor­tante e toccante.

Ho rap­p­re­sen­ta­to la mia Ter­ra, con l’obiettivo di rac­cogliere fon­di a favore delle popo­lazioni col­pite dal Ter­re­mo­to in Cen­tro Italia.