Il monito di Assotutela: “Regione Lazio: tasse elevate servizi carenti”

Il monito di Assotutela: “Regione Lazio: tasse elevate servizi carenti”

25/02/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 387 volte!

“Regione Lazio: si è esul­ta­to a lun­go, nel 2020 per l’uscita dal com­mis­sari­a­men­to con l’azzeramento del deficit. Purtrop­po a questo even­to non ha fat­to segui­to la promes­sa riduzione del­la tas­sazione, tra le più alte d’Italia, né risul­ta siano sta­ti investi­ti i rispar­mi in assis­ten­za domi­cil­iare o ter­ri­to­ri­ale”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to, che spie­ga: “sebbene le casse region­ali non siano più in sof­feren­za, come sono state per più di un decen­nio, il bilan­cio del­la Pisana non impedirà all’Ir­pef di man­ten­er­si fino a tut­to il 2021 con la per­centuale più alta di tutte le regioni d’I­talia. Si par­la di aliquote pari all’1,73% per i red­di­ti sino a 15mila euro, 2,73% per i red­di­ti tra 15mila e 28mila euro, 2,93% tra 28mila e 55mila euro, 3,23% tra 55mila e 75mila euro e non ulti­mo a 3,33% oltre i 75mila euro. Nel­la media del­la pres­sione, tali aliquote si attes­tano tra le più alte. Per questo risul­tano con­trad­dit­to­rie le parole ripor­tate dal notiziario sul sito isti­tuzionale del Lazio sec­on­do il quale, con l’uscita dal com­mis­sari­a­men­to ci sareb­bero sta­ti gran­di ben­efi­ci per i cit­ta­di­ni, sia in ter­mi­ni di riduzione delle aliquote, sia in ter­mi­ni di inves­ti­men­ti nel­la san­ità. Anzi – attac­ca anco­ra Mar­i­ta­to – non bas­ta un pic­co­lo ritoc­co dell’Irap, tra l’altro per poche cat­e­gorie eco­nomiche col­pite dal­la pan­demia, per cantare vit­to­ria. Per­mane la penuria di servizi san­i­tari, così come riman­gono chiusi stori­ci ospedali, che avreb­bero favorito assis­ten­za e cure in tem­po di pan­demia”, chiosa il presidente.