Morte Attanasio e scorta, Assotutela: cordoglio alle famiglie

Morte Attanasio e scorta, Assotutela: cordoglio alle famiglie

23/02/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 227 volte!

“Abbi­amo appre­so con coster­nazione la notizia del­la morte dell’ambasciatore Luca Attana­sio, del cara­biniere Vit­to­rio Iaco­v­ac­ci e dell’autista Mustapha Mil­am­bo. Uomi­ni in mis­sione di pace, per cui esprim­i­amo il nos­tro com­mosso pen­siero, che va in pri­mo luo­go alle loro famiglie”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to che aggiunge: “Ė un episo­dio gravis­si­mo per il nos­tro Paese, che ci coglie in un momen­to di par­ti­co­lare fragilità, a cui dob­bi­amo però rispon­dere con la mas­si­ma fer­mez­za. Vit­to­rio e i suoi col­lab­o­ra­tori – insiste il pres­i­dente – rap­p­re­sen­tano l’Italia migliore, un Paese vici­no alla parte più mar­to­ri­a­ta del mon­do, per­sone che non si risparmi­ano per portare il loro con­for­to. Era­no in mis­sione di pace, invi­tati dal Pam ‘Pro­gram­ma ali­menta­re mon­di­ale’, sen­za alcu­na pro­tezione da vili atten­tati. Per questo, le oscure cir­costanze di tale scri­te­ri­ato atto deb­bono essere imme­di­ata­mente chiarite. La nos­tra asso­ci­azione, oltre a essere vic­i­na alle famiglie, si schiera accan­to all’Arma dei Cara­binieri e chiede che tutte le forze politiche si mobil­iti­no per­ché ven­ga fat­ta luce al più pre­so sulle inso­lite modal­ità dell’assalto e delle fero­ci ese­cuzioni e – insiste anco­ra il pres­i­dente – soprat­tut­to per­ché le nos­tre mis­sioni di pace all’estero siano tute­late e i rap­p­re­sen­tan­ti dell’Italia siano sal­va­guar­dati in ogni attiv­ità intrapre­sa in Pae­si anco­ra mar­to­riati da guerre dimen­ti­cate e da lotte tra bande”.