LAZIO, ASSOTUTELA: “IN DIFFICOLTÀ CON VACCINI. COME VOLEVASI DIMOSTRARE”

LAZIO, ASSOTUTELA: “IN DIFFICOLTÀ CON VACCINI. COME VOLEVASI DIMOSTRARE”

22/01/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 433 volte!

“Appren­di­amo con indig­nazione che per col­pa dei ritar­di delle for­ni­ture da parte del­la Pfiz­er, la Regione Lazio ha deciso di sospendere la som­min­is­trazione dei vac­ci­ni anti Covid-19 per garan­tire i richi­a­mi a chi ha già avu­to la pri­ma dose. Una deci­sione obbli­ga­ta ma che non ci sor­prende vis­to e con­sid­er­a­to che la nos­tra asso­ci­azione ave­va pre­vis­to questo ris­chio, chieden­do con forza alle autorità com­pe­ten­ti che fos­sero approvati a liv­el­lo europeo anche gli altri vac­ci­ni: realtà che invece appare pro­cedere assai a rilen­to. Chiedi­amo dunque al gov­er­no ital­iano di far­si sen­tire nei con­fron­ti del­la Pfiz­er per le inot­tem­per­anze con­trat­tuali ver­ifi­cate­si e all’Ema e alla Unione Euro­pea al fine di accel­er­are le pro­ce­dure di approvazione degli altri vac­ci­ni. Non vor­rem­mo infat­ti che inter­es­si di vario genere a liv­el­lo europeo incidessero neg­a­ti­va­mente: siamo di fronte a una pan­demia allar­mante e peri­colosa che deve essere affronta­ta con la estrema col­lab­o­razione e grande efficienza”.
Cosi, in una nota stam­pa, il pres­i­dente del­la asso­ci­azione Asso­tutela, Michel Emi Maritato.