Roma/Latina. Impegno OPI (Ordine Infermieri) per sanità diffusa e contro Covid. Tutti in prima linea vaccinandosi in nome di chi non ce l’ha fatta. Forte appello di Sonia Pecorilli.

Roma/Latina. Impegno OPI (Ordine Infermieri) per sanità diffusa e contro Covid. Tutti in prima linea vaccinandosi in nome di chi non ce l’ha fatta. Forte appello di Sonia Pecorilli.

09/01/2021 0 Di Maurizio Aversa

Hits: 1450

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4813 volte!

Sonia Peco­ril­li, diri­gente OPI, Ordine Infer­mieri (LT), si è vac­ci­na­ta e invi­ta forte­mente a vaccinarsi


“La pro­fes­sione infer­mieris­ti­ca è una pro­fes­sione “ader­ente” allo stru­men­to di san­ità pub­bli­ca Vac­ci­no e lo dimostra­no i dati: i numerosi sondag­gi effet­tuati in molte Regioni sul­la volon­tà del­la vac­ci­nazione han­no rag­giun­to ade­sioni anche oltre il 98 per cen­to. – rende noto Sonia Peco­ril­li, appe­na elet­ta nell’organismo di direzione dell’Ordine pro­fes­sion­ale infer­mieris­ti­co a Lati­na — Gli infer­mieri san­no bene quali effet­ti ha il Covid: lo vedono ogni giorno, quan­do h24 sono accan­to ai pazi­en­ti di cui spes­so sono l’unico con­tat­to col mon­do ester­no. Lo vedono ogni giorno, con­sideran­do che oltre 40mila pro­fes­sion­isti (il 47% del totale) si sono con­ta­giati dall’inizio del­la pan­demia di cui cir­ca 12mila solo nell’ultimo mese. Purtrop­po anche in ques­ta gior­na­ta è mor­ta una nos­tra col­le­ga e non si può capire lo strazio che ques­ta notizia ci ha por­ta­to, — sot­to­lin­ea l’assessore di Ser­mon­e­ta e diri­gente del PCI Lazio — sono forte­mente con­vin­ta ancor più di pri­ma che la nos­tra voce deve essere pre­sente in tut­ti gli ambiti. Oggi anche io ho fat­to il vac­ci­no lo devo a tut­ti quei col­leghi e quelle col­leghe che non ce l’hanno fat­ta. In ques­ta fase stor­i­ca carat­ter­iz­za­ta dal­la pan­demia, il val­ore del­la nos­tra pro­fes­sione all’interno del SSN, è sta­to riconosci­u­to da tut­ta l’opinione pub­bli­ca, al pun­to da definir­ci “EROI”. Vici­no ai pazi­en­ti, in qual­si­asi giorno dell’anno ed in qual­si­asi con­dizioni ci sono gli Infer­mieri che con dedi­zione e pro­fes­sion­al­ità garan­tis­cono l’assistenza raf­forzan­do sem­pre di più il “Pat­to di salute” con i cit­ta­di­ni con­tin­uan­do a lavo­rare con Tes­ta, Mani e Cuore sare­mo sem­pre di più ….pro­tag­o­nisti di un cam­bi­a­men­to.”. Nei giorni 11,12,13,14 dicem­bre 2020 han­no avu­to luo­go nel­la Provin­cia di Lati­na le elezioni degli Organi dell’Ordine delle Pro­fes­sioni Infer­mieris­tiche. Dal­la Lista “Pro­tag­o­nista Infer­miere” ben dod­i­ci dei quindi­ci can­di­dati e can­di­date sono entrati a far parte dell’organo di auto­gov­er­no dell’Ordine. Tra gli elet­ti nel Con­siglio Diret­ti­vo si annovera la pre­sen­za di Sonia Pecorilli,che attual­mente svolge un ruo­lo pub­bli­co pre­m­i­nente di carat­tere politi­co, isti­tuzionale e sin­da­cale. Con il pri­mo Con­siglio Diret­ti­vo che si è tenu­to nel­la gior­na­ta di oggi 08 gen­naio 2021 sono state rat­ifi­cate le cariche e le nomine degli organ­is­mi tra questi la nom­i­na del­la Pres­i­dente dell’OPI di Lati­na ed attuale sin­da­co del comune di Roccagor­ga Nan­cy Pic­caro, il Con­sigliere nonché Seg­re­tario Provin­ciale NurSind- Lati­na Gio­van­ni San­tuc­ci e Sonia Peco­ril­li Ref­er­ente Ordine Pro­fes­sion­ale per cam­pagna anti SARS-CoV­‑2 – Regione Lazio. I risul­tati ottenu­ti sono sta­ti resi pos­si­bili gra­zie alla con­di­vi­sione di un prog­et­to real­iz­za­to sen­za per­son­al­is­mi con il coin­vol­gi­men­to di tut­ti i pro­fes­sion­isti, i cit­ta­di­ni e le Isti­tuzioni provinciali.

Serve rib­adire oggi quan­to sia fon­da­men­tale il ruo­lo dell’infermiere nell’ambito dell’assistenza domi­cil­iare, nelle strut­ture ter­ri­to­ri­ali, nel­la pre­ven­zione ed edu­cazione san­i­taria, negli ospedali e nelle scelte ges­tion­ali e politiche. L’Ordine Provin­ciale è con­sapev­ole di ques­ta pecu­liar­ità ed impor­tan­za, si adopera e con­tribuisce alla soluzione delle prob­lem­atiche interne alla Pro­fes­sione, ha capac­ità di ind­i­riz­zo nelle scelte di polit­i­ca san­i­taria e si fa por­tav­oce e garante dei bisog­ni dei Cit­ta­di­ni tute­landoli. L’impegno per il prossi­mo quadri­en­nio e cos­ti­tu­ito da un pro­gram­ma che tende a con­sol­i­dare gli obi­et­tivi rag­giun­ti costru­en­do nuovi per­cor­si di svilup­po del­la pro­fes­sione con una serie di azioni che ver­ran­no messe in cam­po. Credere forte­mente nel ruo­lo di ogni sin­go­lo pro­fes­sion­ista nel­la sua val­oriz­zazione quin­di l’OPI rap­p­re­sen­terà la sin­te­si dell’impegno di tut­ti. Questo E’ un momen­to impor­tante dell’autorganizzazione dei pro­fes­sion­isti del­la salute che fan­no rifer­i­men­to pro­prio agli infer­mieri, e come è ovvio, ancor di più in questo frangente del­la pan­demia da Covid 19. Tut­tavia, sec­on­do le indi­cazioni del­la legge 3 del 2018 come pri­ma inno­vazione rispet­to alla nor­ma­ti­va vigente isti­tu­ti­va degli Ordi­ni prevede un nuo­vo pro­fi­lo degli Ordi­ni che ven­gono defin­i­ti come “enti pub­bli­ci non eco­nomi­ci”, che “agis­cono quali organi sus­sidiari del­lo Sta­to al fine di tute­lare gli inter­es­si pub­bli­ci, garan­ti­ti dal­l’or­di­na­men­to, con­nes­si all’e­ser­cizio pro­fes­sion­ale”. E ques­ta è solo una delle definizioni speci­fiche sul­la natu­ra giuridi­ca degli Ordi­ni san­i­tari che ora ven­gono messe nero su bian­co entran­do nel mer­i­to del­la loro natu­ra eco­nom­i­ca e pat­ri­mo­ni­ale, del loro ruo­lo e delle loro fun­zioni. Altro pas­sag­gio impor­tante per quan­to riguar­da l’essere vac­ci­nati, la pro­fes­sione infer­mieris­ti­ca, come le altre pro­fes­sioni intel­let­tuali nel cam­po san­i­tario, aderisce ai prin­cipi dell’etica pro­fes­sion­ale che gui­da scien­za e coscien­za degli infer­mieri in scelte che rispon­dono al prin­ci­pio indero­ga­bile di tutela del­la salute delle per­sone. Riconosce il val­ore delle evi­den­ze sci­en­ti­fiche come base del suo agire pro­fes­sion­ale. Per tutte queste ragioni, va prat­i­ca­ta ove pos­si­bile, da parte di tutte le isti­tuzioni, e di tut­ti i sogget­ti abil­i­tati alla pre­sen­za san­i­taria una pro­pos­ta di col­lab­o­razione, final­iz­za­ti a fare fronte comune con­tro ques­ta emer­gen­za stor­i­ca che sta dev­a­s­tan­do il Paese.