CIAMPINO, FdI: PROGETTO COMUNE DA TEMPO FUORI DALLA MAGGIORANZA

CIAMPINO, FdI: PROGETTO COMUNE DA TEMPO FUORI DALLA MAGGIORANZA

08/01/2021 0 Di puntoacapo

Hits: 61

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 548 volte!

Ciampino 8 gen­naio 2020 – “Nell’ultima sedu­ta di Con­siglio Comu­nale i con­siglieri Man­tua, Lanzi e Castel­lani han­no final­mente get­ta­to la maschera, ren­den­do uffi­ciale un cam­bio di casac­ca ormai chiaro da tem­po. Una tradi­men­to, quel­lo con­suma­to ai dan­ni degli elet­tori che li han­no votati nelle file del cen­trode­stra, che non stupisce più di tan­to, vis­to che da tem­po era ormai chiaro a tut­ti che l’unica moti­vazione dell’azione del grup­po era quel­la di man­dare a casa l’Amministrazione gra­zie alla quale sono mira­colosa­mente entrati in con­siglio, con­sideran­do i voti totali pre­si dal­lo sparu­to grup­pet­to”. Lo dichiara­no, in una nota, i grup­pi con­sil­iari di mag­gio­ran­za Fratel­li d’I­talia, Forza Italia e Ciampino Meri­ta di +.

“Nonos­tante la pres­i­den­za di due com­mis­sioni impor­tan­ti come Pub­bli­ca Istruzione e Affari Gen­er­ali, e la Del­e­ga sin­da­cale alla Pro­tezione Civile, non si ricor­da, dal­la sua cos­ti­tuzione, una sin­go­la pro­pos­ta del grup­po Prog­et­to Comune a favore del­la Cit­tà e dei suoi abi­tan­ti. Nes­suna mozione, nes­suna spin­ta propul­si­va al miglio­ra­men­to di una cit­tà. Si ricor­dano invece numerose e insis­ten­ti richi­este di poltrone e riconosci­men­ti, che li han­no por­tati a perdere qua­si imme­di­ata­mente l’appoggio di due con­siglieri che in un pri­mo momen­to ave­vano cre­du­to nell’ampliamento del grup­po del­la Loco­mo­ti­va trasfor­matosi in Prog­et­to Comune”.

“Siamo feli­ci che questi smar­ri­ti con­siglieri abbiano final­mente capi­to che il loro pos­to è con chi ha ammin­is­tra­to ques­ta cit­tà negli ulti­mi 25 anni, por­tan­dola sull’orlo del bara­tro. Siamo meno feli­ci che abbiano usato la buona fede dei cit­ta­di­ni con­vin­ti, votan­doli, di ottenere final­mente un cam­bi­a­men­to. Invece, a pochi mesi da una stor­i­ca vit­to­ria, le loro energie i loro voti ven­gono usati per spac­care e dividere la mag­gio­ran­za, sen­za mai provare a costru­ire nul­la per il futuro”.

“Ci vuole cor­ag­gio per far­si eleg­gere con la Lega e poi provare a fare le scarpe ad un Sin­da­co elet­to da un anno e mez­zo che con tan­ta forza e capac­ità ha con­tin­u­a­to a por­tate avan­ti il pro­gram­ma elet­torale e ne sono tes­ti­mo­ni­an­za le tante cose fat­te per la Città”.

“Con­siglieri che non com­pren­dono come Ciampino, gra­zie all’am­min­is­trazione Bal­li­co, stia final­mente assumen­do il ruo­lo che le spet­ta all’interno del con­testo met­ro­pol­i­tano, con una rin­no­va­ta sti­ma da parte degli inter­locu­tori più impor­tan­ti del ter­ri­to­rio, da RFI ad ADR, pas­san­do per tut­to il tes­su­to impren­di­to­ri­ale e sociale del­la Cit­tà, che da tem­po non ave­va un inter­locu­tore con cui prog­ettare il futuro”.

“Non invidi­amo l’arduo com­pi­to dei nuovi rin­forzi del­la mino­ran­za nel dover spie­gare ai cit­ta­di­ni di Ciampino come si pos­sa, dopo solo un anno e mez­zo, e in una con­dizione di estrema dif­fi­coltà eco­nom­i­ca e sociale a causa del­la pan­demia, rin­negare le pro­prie idee, le scelte, ed il pro­gram­ma che han­no sot­to­scrit­to, e con quale fac­cia si can­dider­an­no alla prossi­ma tor­na­ta elettorale”.

Fratel­li d’I­talia Ciampino