ROMA, CARAMANICA(RA): “UCCISIONE CINGHIALI AURELIO: DENUNCIATI RAGGI E ZINGARETTI”

ROMA, CARAMANICA(RA): “UCCISIONE CINGHIALI AURELIO: DENUNCIATI RAGGI E ZINGARETTI”

18/12/2020 0 Di Marco Montini

Hits: 552

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2579 volte!

“L’uccisione dei sette cinghiali in un par­co dell’Aurelio, avvenu­ta lo scor­so otto­bre a Roma, oltre a essere un accadi­men­to ter­ri­bile e dis­umano, a nos­tro giudizio assumerebbe pure i con­torni di una strage pro­gram­ma­ta. Una ese­cuzione bar­bara, che si sarebbe potu­ta evitare se le isti­tuzioni avessero col­lab­o­ra­to e rispet­ta­to le pre­scrizioni nor­ma­tive. Cosa che di fat­to non sarebbe purtrop­po mai avvenu­ta. In queste set­ti­mane, infat­ti, con il nos­tro staff legale abbi­amo rac­colto numerose infor­mazioni, ver­i­f­i­can­do sostanzial­mente il man­ca­to pieno rispet­to del pro­to­col­lo di inte­sa per il con­teni­men­to del­la pre­sen­za dei cinghiali, sot­to­scrit­to da Regione Lazio, Roma Cap­i­tale e Cit­tà Met­ro­pol­i­tana. Man­canze isti­tuzion­ali assai gravi e illogiche che han­no spin­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista a denun­cia­re alla Procu­ra del­la Repub­bli­ca il pres­i­dente del­la Regione Lazio, Nico­la Zin­garet­ti, e il sin­da­co di Roma, Vir­ginia Rag­gi. Reputi­amo impro­cras­tin­abile fare chiarez­za sul­la trag­i­ca vicen­da, nel­la aus­pi­cio che i giu­di­ci faran­no piena luce su even­tu­ali colpe e omissioni”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Caramanica.