RANDAGISMO, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “SEGNALATE MALTRATTAMENTI E CANILI LAGER”

RANDAGISMO, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “SEGNALATE MALTRATTAMENTI E CANILI LAGER”

23/11/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 465 volte!

“Purtrop­po, sul ter­ri­to­rio nazionale, non si fer­mano le piaghe del randag­is­mo, dei mal­trat­ta­men­ti ani­mali e dei canali lager. Fenomeni riprovevoli e inac­cetta­bili in un paese che si definisce civile come l’Italia e che Riv­o­luzione Ani­mal­ista con­trasta e denun­cia ogni giorno, gra­zie all’impegno e allo spir­i­to di sac­ri­fi­cio di centi­na­ia di volon­tari e attivisti. Siamo di fronte ad atti ter­ri­bili e dis­umani con­tro i quali serve lo sfor­zo di tut­ti. Per ques­ta ragione ci riv­ol­giamo ai cit­ta­di­ni e vi chiedi­amo di non girarvi dall’altra parte: di seg­nalare e denun­cia­re alle autorità com­pe­ten­ti e al nos­tro par­ti­to politi­co tutte quelle situ­azioni in cui la vita degli ani­mali è mes­sa in peri­co­lo. Come, ad esem­pio, il triste fenom­e­no dei “canili lager”, gesti­ti da per­sone sen­za cuore e sen­za scrupoli, veri e pro­pri luoghi di sof­feren­za, sino alla morte, per­ché i cani entra­no con il solo scopo di “fruttare” una ret­ta. Si, per­ché questi canili sono tut­ti con­ven­zionati con enti pub­bliche, che spes­so nem­meno san­no cosa accade a tan­ti poveri ani­mali, per caren­za di con­trol­li o immo­bil­is­mo ammin­is­tra­ti­vo. Tut­ti insieme, dunque, dob­bi­amo oppor­ci a queste forme di busi­ness che, oltre a incidere neg­a­ti­va­mente sul­la salute e sui dirit­ti degli ani­mali, ali­men­tano ille­gal­ità e mafie. Riv­o­luzione Ani­mal­ista si oppone a tut­to questo: cari cit­ta­di­ni, non abbi­ate pau­ra, insieme pos­si­amo fare tanto”.
Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to politi­co Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Caramanica.