Ares 118, Assotutela: “Stop ad autisti interinali”

Ares 118, Assotutela: “Stop ad autisti interinali”

19/11/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 387 volte!

“La san­ità del Lazio cade a pezzi e non solo in sen­so metafori­co. Nonos­tante l’immagine accred­i­ta­ta, di servizio per­fet­ta­mente fun­zio­nante, uno stereotipo che appare su tut­ti i prin­ci­pali mezzi di infor­mazione, la realtà dei fat­ti smen­tisce tale edul­co­ra­to quadret­to ed entro breve, se non si provvede, ci tro­ver­e­mo peg­gio di altre regioni attual­mente al cen­tro delle critiche”. Lo sostiene il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to, che spie­ga: “Non bas­ta­va il caos di 1500 refer­ti di tam­poni spar­i­ti nel nul­la a Tivoli, ora alla Asl Roma 5, assis­ti­amo al crol­lo del pan­nel­lo del con­trosof­fit­to – il sec­on­do in meno di un mese — nel repar­to di Ter­apia sub inten­si­va dell’ospedale di Palest­ri­na, ricon­ver­ti­to per l’accoglienza dei pazi­en­ti Covid-19”. Sem­bra che i cal­ci­nac­ci piovu­ti dall’alto lunedì sera, 16 novem­bre, non abbiano provo­ca­to dis­as­tri colpen­do i degen­ti, salvi per mira­co­lo. “Pote­va essere una trage­dia – con­tin­ua Mar­i­ta­to – con mate­ri­ali piovu­ti su pazi­en­ti frag­ili e gravis­si­mi. Il dan­no causato da infil­trazioni d’acqua era già noto da tem­po alla direzione in quan­to seg­nala­to dagli infer­mieri ma, evi­den­te­mente trascu­ra­to. Val­go­no poco le sbriga­tive gius­ti­fi­cazioni del­la direzione, che assi­cu­ra­va a fine otto­bre di aver provve­du­to per tem­po alla riparazione e che oggi repli­ca gof­fa­mente, garan­ten­do di aver invi­a­to subito i tec­ni­ci per porre rime­dio. Tali episo­di non dovreb­bero avvenire in un Paese civile. Ci chiedi­amo – insiste il pres­i­dente – in che modo siano effet­tuati i lavori; ci piac­erebbe conoscere la natu­ra dell’appalto e la dit­ta che sta provve­den­do. Non solo per una ques­tione di trasparen­za, quan­to per­ché i cit­ta­di­ni van­no tute­lati in ogni momen­to, specie in quel­lo più dif­fi­cile come la malattia”.