Assotutela: “Caos tamponi, dalla Asl Roma 3 scuse tardive”

Assotutela: “Caos tamponi, dalla Asl Roma 3 scuse tardive”

17/11/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 429 volte!

“Cit­ta­di­ni in fila ore e ore in atte­sa che arrivi il fatidi­co turno del pre­lie­vo oro­faringeo e, dopo tale infer­no come se non bas­tasse, giorni e giorni chiusi in casa in pre­da all’angoscia, in atte­sa di un refer­to mai arriva­to. Ben­venu­ti nell’efficiente servizio ‘Tre T’ del­la Asl Roma 3”. Ironiz­za così, con un velo di amarez­za, il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to, in relazione alle numerose chia­mate che i cit­ta­di­ni han­no ind­i­riz­za­to all’associazione, per evi­den­ziare le dis­fun­zioni provo­cate da tale dis­servizio. “Un sis­tema che ha fat­to un volo pin­dari­co sen­za poi avere appigli per atter­rare in sicurez­za – insiste – da ulti­mo, abbi­amo let­to di un mag­is­tra­to del­la Corte Cos­ti­tuzionale recat­a­si il 30 otto­bre con sua figlia nel pun­to pre­lievi di Fiu­mi­ci­no per effet­tuare il tam­pone mol­e­co­lare e bloc­ca­ta a tutt’oggi, 16 novem­bre in casa con sua figlia, iso­la­ta dai famil­iari e dal resto del mon­do fino all’esito del tam­pone che, nonos­tante i sol­leciti, le chia­mate a vuo­to, le gius­ti­fi­cazioni raf­faz­zonate, non è anco­ra noto”, spie­ga il pres­i­dente. “Come la giu­dice fa ril­e­vare, il gravis­si­mo ritar­do nuoce non solo agli assis­ti­ti, bloc­cati dall’inefficienza del­la Asl, ma al trac­cia­men­to dei con­tat­ti impe­den­do alla Asl di avere dati aggior­nati, con grave noc­u­men­to per la salute pub­bli­ca”, incalza Mar­i­ta­to, che con­tes­ta anche le “tar­dive scuse arrivate oggi via Face­book da parte del­la Asl, che con la sua dis­or­ga­niz­zazione rischia di facil­itare la dif­fu­sione del con­ta­gio da parte di pos­i­tivi che non san­no di esser­lo per caren­za di refer­to e allen­tano le mis­ure di iso­la­men­to per dis­per­azione. Val­uter­e­mo – con­clude — se ricor­rono gli estre­mi per una azione a tutela del­la salute pub­bli­ca, con­tro ingius­ti­fi­ca­bili disservizi”.