CIAMPINO, L’ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE CONTESTABILE SUI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

CIAMPINO, L’ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE CONTESTABILE SUI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

05/11/2020 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4224 volte!

CIAMPINO, L’ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE CONTESTABILE SULLA REGOLARIZZAZIONE RELATIVA AI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

 “Il 5 otto­bre nelle scuole del nos­tro ter­ri­to­rio è ripar­ti­to il servizio men­sa per i nos­tri stu­den­ti. Purtrop­po, come ogni anno accade, ci sono delle dis­crepanze tra le liste di col­oro che effet­ti­va­mente usufruis­cono del servizio e quel­li che sono rego­lar­mente reg­is­trati pres­so gli uffi­ci del Comune e dell’ASP. Ver­so la fine di otto­bre abbi­amo invi­a­to una comu­ni­cazione a tutte le diri­gen­ze sco­las­tiche per sol­lecitare le famiglie inter­es­sate a rego­lar­iz­zare la pro­pria posizione. Molte di loro han­no rispos­to pos­i­ti­va­mente a questo sol­lecito, ma ne restano anco­ra diverse che usufruis­cono di un servizio che risul­ta non abbiano nep­pure richiesto”.

“Com­pren­den­do il dif­fi­cile momen­to che tut­to il nos­tro Paese sta attra­ver­san­do, abbi­amo deciso di perseguire una lin­ea di con­dot­ta ori­en­ta­ta al sosteg­no e al mas­si­mo sup­por­to, sem­pre nel rispet­to delle regole e del­la cor­ret­tez­za nei con­fron­ti di col­oro che con gran­di sac­ri­fi­ci pagano rego­lar­mente quan­to dovu­to. Per tale moti­vo invi­ti­amo tutte le famiglie la cui posizione non fos­se rego­lare, a pren­dere con­tat­to con gli Uffi­ci del­la Pub­bli­ca Istruzione e con l’ASP per cer­care insieme la stra­da migliore per rego­lar­iz­zare la pro­pria posizione, val­u­tan­do per­cor­si speci­fi­ci e cal­i­brati su ogni situ­azione, for­nen­do tut­to il sup­por­to isti­tuzionale nec­es­sario in un peri­o­do di grande incertez­za. Chiedi­amo anche alle diri­gen­ze sco­las­tiche di aiutar­ci ad avere un quadro il più pos­si­bile chiaro del­la situ­azione in modo da atti­var­si per tute­lare tutte le diverse condizioni”.

“Nel caso in cui tali irre­go­lar­ità dovessero per­sis­tere, e non si ravvisas­se la volon­tà da parte delle famiglie coin­volte di porre rime­dio, ci vedremo costret­ti, nos­tro mal­gra­do, ad inter­rompere l’erogazione del servizio nel rispet­to delle regole e del­la cor­ret­tez­za nei con­fron­ti di tut­ti col­oro che, non sen­za sac­ri­fi­ci, risul­tano essere pien­amente in regola”.

Così in una nota l’Assessore alla Pub­bli­ca Istruzione del Comune di Ciampino, Anna Rita Contestabile.