Danilo Sordi (Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini) aderisce a Europa Verde

Danilo Sordi (Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini) aderisce a Europa Verde

22/10/2020 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 845 volte!

“Siamo par­ti­co­lar­mente con­tenti che Dani­lo Sor­di abbia deciso di intrapren­dere con noi questo per­cor­so. Rite­ni­amo impor­tante che set­tori così sen­si­bili alla cura dell’ambiente, prove­ni­en­ti dal mon­do cat­toli­co, abbiano deciso di puntare sul­la nos­tra cos­tituente di Europa Verde. Realtà che noi vogliamo val­oriz­zare seguen­do una line di ten­den­za che esten­der­e­mo a tut­ti i territori”.

Così in una nota, il coor­di­na­tore di Europa Verde Fil­ib­er­to Zarat­ti ha annun­ci­a­to l’adesione alla cos­tituente ecol­o­gista di Dani­lo Sor­di, Com­mis­sario del­la Comu­nità Mon­tana Castel­li Romani e Prenestini.

“Questo è il tem­po delle scelte rad­i­cali, non abbi­amo più tem­po, dob­bi­amo inter­venire, in modo anche non con­ven­zionale, per fer­mare il cam­bi­a­men­to cli­mati­co. Per­tan­to ho deciso, con­vin­ta­mente, di aderire a Europa Verde sen­za indugio”.

Ha com­men­ta­to l’ex con­sigliere met­ro­pol­i­tano di Roma Dani­lo Sor­di, annun­cian­do la sua ade­sione a Europa Verde, dopo aver las­ci­a­to il Par­ti­to Democratico.

“Per noi cat­toli­ci – pros­egue– la stra­da l’ha trac­cia­ta Papa Francesco con l’Enciclica ‘Lauda­to sii’. Ognuno di noi è chiam­a­to a fare la sua parte, pic­co­la o grande che sia. Chi si tro­va ad avere la respon­s­abil­ità di gov­er­no deve essere rifer­i­men­to e mod­el­lo di questo nuo­vo approc­cio alla vita.

Dai nos­tri pic­coli gesti quo­tid­i­ani – con­clude Sor­di – può par­tire un’enorme onda di cam­bi­a­men­to. Per questo moti­vo ho deciso di tornare a ‘casa’. Di riab­brac­cia­re quelle espe­rien­ze ambi­en­tali e nat­u­ral­is­tiche che han­no con­trad­dis­tin­to la mia gioven­tù ed han­no, in modo evi­dente, carat­ter­iz­za­to la mia vita di ammin­is­tra­tore pub­bli­co. Salu­to i miei ex com­pag­ni di viag­gio augu­ran­dogli di essere sem­pre ‘Liberi e forti’”.