Marino. Avello e Enderle: “Scuola a Cava dei Selci. Buona notizia con sito discutibile. Stancante che i tifosi del M5S facciano il tiro al piccione contro opposizione solo coi numeri e non con le idee”

Marino. Avello e Enderle: “Scuola a Cava dei Selci. Buona notizia con sito discutibile. Stancante che i tifosi del M5S facciano il tiro al piccione contro opposizione solo coi numeri e non con le idee”

25/09/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1473 volte!

Con Mar­co Onofrio, Ste­fano Ender­le e Mau­ro Avel­lo, alla Con­feren­za stam­pa di lan­cio del­l’idea di pro­porre la coal­izione Essere Mari­no — dicem­bre 2019.


Tra i pun­ti all’ordine del giorno dell’ultimo con­siglio comu­nale era inser­i­to l’argomento “Approvazione prog­et­to defin­i­ti­vo “Real­iz­zazione nuo­va scuo­la da real­iz­zare in Piaz­za­le del­lo sport” — Cava dei Sel­ci – ed adozione di vari­ante di des­ti­nazione urban­is­ti­ca”. Dopo la pre­sen­tazione e il dibat­ti­to che ne è segui­to, si è vota­to e il prog­et­to del­la scuo­la è sta­to approva­to con la sola mag­gio­ran­za del M5S. “Sem­br­erebbe, ed è, una cosa buonis­si­ma dotare il ter­ri­to­rio di Cava dei Sel­ci di una nuo­va strut­tura sco­las­ti­ca – com­men­tano Ste­fano Ender­le, seg­re­tario del PCI di Mari­no e Mau­ro Avel­lo, por­tav­oce del­la coal­izione Essere Mari­no -. Non altret­tan­to lungimi­rante sem­bra la indi­vid­u­azione del sito. Sia per­ché è pos­si­bile costru­ir­la sem­pre in quell’area ma un paio di cen­to metri dopo. Quin­di alla buona notizia, asso­ci­amo una crit­i­ca che non sap­pi­amo sia sta­ta mai pos­si­bile avan­zare da parte dei cit­ta­di­ni di Cava dei Sel­ci o dei gen­i­tori del­la scuo­la, vista la caren­za cron­i­ca del con­fron­to pub­bli­co traspar­ente del Sin­da­co, del­la Giun­ta e del M5S a Mari­no. I quali, ci sem­bra ( forse ad eccezione del set­tore dei servizi sociali) preferiscano riu­nioni in pro­prio, e con­fron­ti dove sono già cer­ti di rice­vere con­sen­so su ciò che deb­bono esporre”. “Dici­amo questo – aggiun­gono Avel­lo ed Ender­le – per­ché a noi ha fat­to un po’ ammin­is­tra­ti­va­mente ribrez­zo il voto con­trario delle oppo­sizioni di destra in Con­siglio comu­nale. Ma, cre­di­amo anche che met­tere all’angolo chi cer­ca­va il dial­o­go per una soluzione con­di­visa, — per essere chiari l’opposizione di cen­trosin­is­tra – sia sta­to un atto di inutile arro­gan­za. Spe­cial­mente se si pen­sa che quan­do ha volu­to, ques­ta Giun­ta si è spe­sa per un sito (mai real­iz­za­to) di oasi eco­log­i­ca con un ref­er­en­dum, appun­to dis­at­te­so. Ma ora, a poche ore da ques­ta “vit­to­ria dei numeri” subito tifosi M5S a spa­da sguaina­ta a dare addos­so a chi pro­pone­va altra soluzione.

Fran­ca Sil­vani, capogrup­po PD, Gian­fran­co Venan­zoni, vicepres­i­dente con­siglio comu­nale PD, Enri­co Iozzi con­sigliere ucs


A noi – con­cludono i due popo­lari espo­nen­ti politi­ci – con­vince il fat­to che il sito dovrebbe essere un altro; non sap­pi­amo se in situ­azione analo­ga ci sarem­mo astenu­ti in Con­siglio comu­nale, siamo sicuri però che l’esercizio del potere locale non si attua per decreti ma per dial­o­go e con­fron­to. Pare che ques­ta dote non sia tra le cinque stelle fon­dan­ti in auge, o almeno, non è più prat­i­ca­ta da un pez­zo. Un’ultima con­sid­er­azione: tut­to ciò avrebbe altro sapore e altro spes­sore se si tor­nasse a pen­sare alla pro­gram­mazione dell’edilizia sco­las­ti­ca a liv­el­lo delle leg­gi region­ali (come era all’inizio del fun­zion­a­men­to delle Regioni) com­pre­si il più ampio dirit­to allo stu­dio e l’esercizio delle attiv­ità cul­tur­ali, quelle sportive incluse, nelle scuole di ogni ordine e gra­do”.