Labico, presentato il progetto My Pony Farm finanziato dal GAL

Labico, presentato il progetto My Pony Farm finanziato dal GAL

25/09/2020 0 Di Fabio Orfei

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 564 volte!

Giovedì 24 set­tem­bre è sta­to pre­sen­ta­to a Lab­i­co il prog­et­to “My Pony Farm”, finanzi­a­to dal GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni, e des­ti­na­to a ses­san­ta bam­bi­ni dis­abili dei comu­ni di Lab­i­co, San Cesareo e Cas­tel San Pietro Romano di età com­pre­sa fra i 3 e i 16 anni. Attra­ver­so un per­cor­so di ter­apia assis­ti­ta con pony e ortoter­apia, i ragazzi ricev­er­an­no un utile affi­an­ca­men­to e un sup­por­to alle ter­apie mediche, psi­co­logiche e riabil­i­ta­tive final­iz­zate a miglio­rare le con­dizioni di salute e le fun­zioni sociali, emo­tive e cog­ni­tive dei sogget­ti inter­es­sati. Saran­no affi­an­cati in questo per­cor­so dai com­pag­ni di classe che avran­no la fun­zione di tutor per garan­tire un proces­so di inclu­sione sociale.

Han­no parte­ci­pa­to alla pre­sen­tazione pres­so il cen­tro anziani di via Roma a Lab­i­co: Dani­lo Gio­vagno­li sin­da­co di Lab­i­co, Benedet­to Paris asses­sore alle Politiche Sociali di Lab­i­co, Viviana Pizzi­coni asses­sore ai Servizi Sociali di San Cesareo, Gian­pao­lo Nar­di sin­da­co di Cas­tel San Pietro Romano, Ste­fano Bertuzzi pres­i­dente del GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni, Enri­ca Ono­rati asses­so­ra all’A­gri­coltura del­la Regione Lazio e i rap­p­re­sen­tan­ti del­la coop­er­a­ti­va agri­co­la Il Mel­o­gra­no onlus e del­l’Azien­da agri­co­la Damigel­li.

Il pres­i­dente del GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni Ste­fano Bertuzzi ha volu­to sot­to­lin­eare la sin­er­gia con le ammin­is­trazioni comu­nali coin­volte e con la Regione Lazio.

“Ci ha per­me­s­so di atti­vare questi finanzi­a­men­ti estrema­mente impor­tan­ti per il ter­ri­to­rio – ha spie­ga­to Bertuzzi – L’assessorato all’Agricoltura ha dimostra­to una forte sen­si­bil­ità nel col­le­gare lo svilup­po delle attiv­ità agri­cole del nos­tro ter­ri­to­rio con l’inclusione sociale. Fare sis­tema e ritrovare il sen­so di comu­nità è fon­da­men­tale per lo svilup­po di un ter­ri­to­rio. Il GAL Castel­li Romani cer­ca di dare la pos­si­bil­ità a vari oper­a­tori dei nos­tri comu­ni di inve­stire, attra­ver­so una pro­gram­mazione regionale che ci per­me­tte di dare le linee gui­da. Nonos­tante l’emergenza Covid, non ci siamo mai fer­mati e sti­amo già lavo­ran­do alla pub­bli­cazione di nuovi ban­di che invi­to a seguire sul nos­tro sito che abbi­amo rin­no­va­to pro­prio in questi giorni”.

L’assessora all’Agricoltura del­la Regione Lazio Enri­ca Ono­rati si è com­pli­men­ta­ta per il risul­ta­to ottenu­to e ha volu­to sot­to­lin­eare il ruo­lo del GAL in questo proces­so di svilup­po ter­ri­to­ri­ale.

“Esiste un meto­do sar­to­ri­ale di gestire parte dei fon­di europei attra­ver­so degli stru­men­ti di prossim­ità che sono i GAL – ha spie­ga­to l’assessora – Il mio pun­to di vista è che questi piani di svilup­po locale (Psl) cen­tra­no ancor più l’obiettivo quan­do sono com­ple­men­tari alla strate­gia gen­erale. Nell’agricoltura esiste un cari­co di respon­s­abil­ità che con­siste nel dover rap­p­re­sentare un ter­ri­to­rio per quel­lo che pro­du­ci­amo, per quel­lo che rac­con­ti­amo. Il tema del­la ter­ri­to­ri­al­ità e del­la dis­tin­tiv­ità attra­ver­so tut­ti i part­ner diven­ta fon­da­men­tale e quan­do arrivano i risul­tati come in questo caso ne siamo orgogliosi”.